BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagamento Imu e Tasi 2016/ Cosa fare in caso di contestazione da parte dei Comuni (oggi, 17 giugno)

Pubblicazione:venerdì 17 giugno 2016 - Ultimo aggiornamento:venerdì 17 giugno 2016, 11.05

Infophoto Infophoto

PAGAMENTO IMU E TASI 2016, COSA FARE IN CASO DI CONTESTAZIONE DA PARTE DEI COMUNI Passata la scadenza per il pagamento di Imu e Tasi 2016, i Comuni possono contestare il mancato o il parziale pagamento dell’imposta ai contribuenti entro cinque anni. Chi riceve la richiesta e la ritiene corretta deve procedere al pagamento entro 60 giorni. Qualora il cittadino ritenga infondata la contestazione potrà chiedere l’annullamento, totale o parziale, dell’avviso di accertamento. Entro novanta giorni il comune valuterà la richiesta. Se non l’accoglierà potrà comunque formulare una propria proposta al contribuente. Se questa sorta di “mediazione” non sortisse effetto, la parola passerebbe al giudice tributario.

PAGAMENTO IMU E TASI 2016, SCADENZA AL 16 GIUGNO. BRUNETTA CONTRO IL GOVERNO: “ALTRO IMBROGLIO DI RENZI” - Nella giornata di ieri alcuni milioni di italiani hanno dovuto fare i conti con le scadenze imposte dal Fisco ed in particolare provvedere ad effettuare i pagamenti dovuti per le seconde case al riguardo dell’Imu e della Tasi. In queste ore ci sono stati toni trionfalistici da parte degli esponenti del Partito Democratico che hanno sottolineato come l’attuale Governo abbia provveduto ad abbassare il livello di tassazione togliendo l’Imu sulle prime case. Una operazione che non ha convinto per nulla l’esponente di Forza Italia, Renato Brunetta, che è tornato ad attaccare il Governo parlando di “altro imbroglio da parte di Renzi”. Nello specifico Brunetta ha rimarcato: “Ha fatto la bella figura di tagliare l’Imu – Tasi, in realtà perché aveva acconsentito ai comuni, o i comuni si erano presi la libertà di aumentare la tassa sulla spazzatura, cosa che abbiamo tutti sperimentato proprio perché non si fidavano del Governo. Cosa succederà a fine anno? Che Renzi non darà un euro ai Comuni perché dirà loro: ‘ve la siete già ripresa con la tassa sui rifiuti, quindi non ti do niente e finirà così’. È un imbroglio”. Per Brunetta il 16 giugno è stato “altro che No Imu Day, è imbroglio Day”.



© Riproduzione Riservata.