BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPILLO/ Se l'emergenza Mps è salvare i bond subordinati di Davide Serra

Davide Serra (La Presse)Davide Serra (La Presse)

Quanti bond subordinati ha effettivamente comprato Serra in quei giorni (magari a prezzo stracciato dai piccoli sottoscrittori toscani)? E quanti ne ha oggi? E quanti, sempre ad oggi, ne hanno tenuti in portafoglio altri, perchè hanno seguito il pesce pilota "amico del premier italiano"? La Consob farebbe bene a tornare a setacciare le compravendite di bond subordinati Mps: come alla fine non ha fatto sulle azioni delle Popolari sotto riforma, nel gennaio 2015. Anche allora qualcuno speculò - probabilmente conoscendo in anticipo le decisioni del governo - e Serra era fra gli indiziati: ma cosa avrebbe dovuto fare, d'altronde, un hedge fund, quintessenza dell'investimento a rischio sul mercato?

"Chi sottoscrive un prestito subordinato, in maniera consapevole, si espone a un rischio più elevato rispetto all'obbligazione senior non subordinata. Chi acquista uno strumento ibrido di patrimonializzazione Upper Tier 1 corre rischi ben maggiori del subordinato Lower Tier 2. Questa subordinazione è chiara al mercato, agli investitori. E in condizioni normali funziona, cioè chi più rischia, più paga quando qualcosa va storto e lo fa senza battere ciglio". Giusto. E' l'attacco del commento del Sole 24 Ore di ieri. Che però poi ondeggia "Ma in tempi eccezionali, con Brexit, gli schemi saltano.I mercati, gli investitori, hanno i nervi scoperti. Sono divenuti ipersensibili alle cattive notizie e vedono nero, anche nelle zone d’ombra, anche nel chiaroscuro". Certo che vedono nero: rischiano di perdere tutto, ma è nelle regole del gioco, a Londra e a Milano, a Siena e a New York, anche a Shanghai  ormai lo insegnano anche a scuola. Perché bisognerebbe derogare alle regole a spese del contribuente italiano? Perché, anzi, bisogna spendere quel poco rimasto della credibilità politica e del potere negoziale del governo italiano per salvare Davide Serra e i suoi compari londinesi?

Di Brexit - decisa in autonomia dai britannici - gli italiani stanno già pagando prezzi indebiti: compresa la necessità di salvare più in fretta Mps, sulla base dei calcoli di un'authority europea basata a Londra e dei crolli di Borsa provocati al di là della Manica. Ora va esonerato dal disturbo specifico il grande contributore della Leopolda? A proposito. Mps era notoriamente una banca a forte rischio già all'epoca della prima Leopolda, nel 2010. Che nessuno si presenti in giro a piagnucolare travestito da vecchietta truffata.

© Riproduzione Riservata.