BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NOTIZIE MPS/ In Borsa chiude a -3,29%. Vestager: accordo sulle banche italiane relativamente vicino

Vediamo le notizie del giorno su Mps: dall'andamento del titolo in Borsa alle news e ai rumors pubblicati su agenzie e quotidiani riguardanti Montepaschi e le altre banche italiane

Lapresse Lapresse

Piazza Affari chiude in rosso dello 0,53% e Mps termina la giornata a -3,29%, poco sopra i 32 centesimi ad azione. Margrethe Vestager, commissario europeo alla Concorrenza, ha dichiarato che un accordo sulle banche italiane è "relativamente vicino", ma non ha fornito alcun dettaglio aggiuntio in merito, rilevando comunque che tra Italia e Bruxelles sono in corso "colloqui costruttivi". Giornata decisamente negativa in borsa per il titolo della Banca Monte dei Paschi di Siena che sta pagando la sentenza della Corte UE sulle banche slovene con cui è stato definito legittimo il regolamento del bail-in. In questo momento sta cedendo il 6,11% scendendo a quota 0,3137 il valore di ogni azione. Sul fronte dirigenziale, nelle ultime ore è stata avvertita un’accelerata per quanto concerne la trattativa con il fondo Atlante. Contemporaneamente si sta portando avanti un lavoro di preparazione per il già annunciato aumento di capitale che secondo le ultime notizie non dovrebbe avere alcun supporto pubblico. Non resta che attendere le evoluzioni dei prossimi giorni.  Piazza Affari aumenta le perdite e Mps passa in rosso con un -5,4% che porta il titolo sotto i 32 centesimi. Dopodomani si dovrebbero conoscere i nomi degli aspiranti acquirenti di Banca Etruria, Bancha Marche, CariFerrara e CariChieti. Secondo Il Sole 24 Ore, questi saranno i fondi di private equity Apax, Lone Star e Apollo. Solo quest'ultimo, tuttavia, sarebbe realmente determinato a investire in un contesto così difficile e incerto. Piazza Affari si muove in rosso e Mps sale dello 0,3%, restando sotto i 34 centesimi ad azione. Secondo quanto riporta Milano Finanza, si continua a lavorare al piano per smaltire i crediti deteriorati di Montepaschi entro la fine del mese. Sembra ormai certo che Jp Morgan e Mediobanca si occuperanno di cartolizzare e cedere gli Npl. Resta da capire il livello di garanzia pubblica che potrà esserci su questi titoli in modo anche da determinare la perdita che la banca toscana dovrà registrare in bilancio. Si sta in particolare ipotizzando di far convergere la garanzia pubblica sulle “tranche junior”, le più rischiose.

© Riproduzione Riservata.