BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Borsa italiana oggi / Milano, news: chiusura a +0,25%, Banco Popolare a +3,96% (oggi, 21 luglio 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Lapresse  Lapresse

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 17:35) Piazza Affari chiude a +0,25% e sul listino principale si notano i rialzi di Azimut (+1,98%), Bper (+3,21%), Banco Popolare (+3,96%), Ferragamo (+3,03%) e Unicredit (+2,13%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Prysmian (-1,42%), Saipem (-1,07%) e Unipol (-1,38%). Fuori dal listino principale Fincantieri guadagna il 5,82%, mentre Pierrel perde il 7,1%. Il cambio euro/dollaro si attesta a quota 1,1, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova appena sotto i 125 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle 15.40) Mentre è in corso la conferenza stampa di Mario Draghi gli indici sono in territorio leggermente positivo. A seguito dell'annuncio della decisione da parte della BCE di lasciare i tassi invariati, il governatore risponde alle domande dei giornalisti che affollano la sala: dopo aver ribadito che per sostenere il sistema, il board continuerà a mettere in atto qualsiasi manovra accomodante fra quelle a disposizione, sottolinea che ancora non è stato affrontato l'argomento del tapering, anche perché ancora non sono visibili gli effetti del QE allargato all'acquisto di corporate bonds, confermando l'atteggiamento di forward guidance. Il nodo centrale della discussione continua a essere il problema degli NPL che affligge il sistema bancario, Draghi sottolinea l'importanza di alleggerire i bilanci delle banche dai crediti inesigibili, per non impattare sulla loro redditività. 

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 11:20) Piazza Affari passa in rosso con un -0,4%. Sul listino principale i rialzi principali sono di Mps (+1,3%), Ferragamo (+1%), Tenaris (+1,1%) e Bper (+0,8%). I ribassi più ampi sono invece di Bpm (-1,8%), Eni (-1,1%), Exor (-1,2%), Fineco (-1,1%), Ubi Banca (-1,1%) e Saipem (-2,3%). Fuori dal listino principale Tiscali guadagna il 5,1%, Fincantieri il 3,8% e Banzai il 3,5%. Pierrel cede invece il 6,5%. Il cambio euro/dollaro resta sopra quota 1,1, mentre lo spread tra Btp e Bund sale sopra i 125 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 9:40) Piazza Affari sale dello 0,3% e sul listino principale troviamo in rosso A2A (-0,5%), Campari (-0,5%), Eni (-0,6%), Italcementi (-0,1%), Prysmian (-0,5%), Recordati (-0,5%) e Ubi Banca (-0,3%). Tra i rialzi spiccano quelli di Mps (+2,6%), Ferragamo (+1,5%), Unicredit (+2%) e UnipolSai (+1,7%). Fuori dal listino principale Tiscali guadagna il 5,8%, Fincantieri il 3,5%, mentre Pierrel cede il 6,4%. Il cambio euro/dollaro si trova sopra quota 1,1, mentre lo spread tra Btp e Bund è sotto i 125 punti base.

BORSA ITALIANA OGGI: PIAZZA AFFARI ASPETTA DRAGHI La giornata borsistica di oggi vivrà senza dubbio l’attesa per le parole di Mario Draghi a seguito della riunione del board della Bce. Ci sono poi diversi dati macroeconomici, tra i quali spiccano quelli che saranno comunicati dall'ufficio centrale di statistica inglese, relativi alle vendite al dettaglio. Attesa nel pomeriggio la comunicazione dei sussidi di disoccupazione americana. In serata, a borse europee chiuse, arriveranno inoltre i dati relativi alle vendite delle abitazioni in territorio americano. Ieri Piazza Affari ha chiuso con un rialzo di oltre mezzo punto in percentuale (+0.54%) con il Ftse Mib che si riporta in area 16.750 punti.

Brutto scivolone anche ieri per Monte dei Paschi di Siena, con il titolo che manifesta un’altissima dose di volatilità, e che durante la giornata è stato sospeso più volte al ribasso. Alla fine Montepaschi ha perso quasi il 2%, ma non è stato comunque la maglia nera della giornata all’interno del listino principale, con Tenaris che segna una regressione del 2.22%. Ottima invece la performance di FCA che sulla scia del miglioramento dei conti segna un +4%. Differenziale Bund tedeschi-titoli di stato italiani che chiudono segnando un valore di 125 punti base.

Le borse europee in generale hanno vissuto una giornata di fibrillazione. Da una parte l'attesa delle comunicazioni di Mario Draghi, previste per oggi, dall'altro la continuazione della repressione turca legata al mancato golpe Unico sprazzo di ottimismo le trimestrali delle grandi corporation che si stanno rivelando migliori del previsto.



© Riproduzione Riservata.