BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Notizie Mps/ In Borsa chiude a +1,77%. Gros-Pietro: intervento pubblico nelle banche è ultima ratio

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Lapresse  Lapresse

MPS NEWS (aggiornamento delle ore 17:35) Piazza Affari chiude in rialzo dello 0,25% e Mps termina la giornata con un +1,77% che tiene il titolo sopra i 32 centesimi. Gian Maria Gros-Pietro, Presidente di Intesa Sanpaolo, ha dichiarato che Montepaschi è una banca che è stata risanata nella sua gestione, anche se ha ancora dei problemi di crediti deteriorati. L'intervento pubblico dello Stato nelle banche, a suo modo di vedere, dovrebbe essere considerato come l'ultima ratio. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 16:00) In corrispondenza dell'apertura di wall street, il titolo Monte dei Paschi di Siena fa segnare un progresso di due punti e mezzo percentuali, nonostante la volatilità che ne caratterizza ormai le oscillazioni giornaliere. In attesa di comunicazioni da parte della BCE continua a tenere banco la necessità di dover smaltire 10 mld di crediti non performanti. Anche se il consiglio di amministrazione preferirebbe optare per una soluzione che non preveda un intervento esterno, lo shortfall di capitale provocato dalla valorizzazione che si ipotizza attualmente per gli NPL, necessiterà di un garante di ultima istanza. il titolo rimane in attesa di novità dal consiglio di amministrazione straordinario atteso per la giornata di oggi. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 10:50) Piazza Affari è ancora in rosso e Mps guadagna l'1,4%, superando i 32 centesimi ad azione. Oggi è una giornata importante per Montepaschi: in mattinata la vigilanza della Bce dovrà esaminare il piano per la cessione dei crediti deteriorati della banca toscana. Il cui Consiglio di amministrazione si riunirà nel pomeriggio per esaminare le eventuali osservazioni dell'Eurotower. MPS NEWS (aggiornamento delle ore 9:10) Piazza Affari si muove in rosso e Mps sale dello 0,5%, avvicinandosi ai 32 centesimi ad azione. Secondo quanto riporta Repubblica, l’intesa tra Italia e Commissione europea su Montepaschi sarebbe ormai vicina. Dopo aver ceduto 10 miliardi di crediti in sofferenza, la banca dovrebbe lanciare un aumento di capitale, con una garanzia finale dello Stato. Che tuttavia non potrebbe coprire le obbligazioni subordinate. Resta quindi da capire come poter evitare che i possessori si ritrovino azzerati.



© Riproduzione Riservata.