BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Borsa Italiana oggi/ Milano, news: chiusura a +0,03%, Mediaset a -6,93% (oggi, 26 luglio 2016)

Pubblicazione:martedì 26 luglio 2016 - Ultimo aggiornamento:martedì 26 luglio 2016, 17.40

Lapresse Lapresse

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 17:35) Piazza Affari chiude a +0,03% e sul listino principale si notano il +7,74% di Cnh Industrial, oltre al -6,93% di Mediaset. Buoni anche i rialzi di Banco Popolare (+2,51%), Bpm (+3,56%), Recordati (+1,97%) e Saipem (+3,22%), mentre tra i ribassi più ampi troviamo Azimut (-1,59%), Mps (-1,23%), Ferragamo (-1,15%), Luxottica (-4,03%), Mediobanca (-2,34%) e Unicredit (-2,27%). Fuori dal listino principale Stefanel chiude con un +10,29%, Safilo con un +5,06%, Banzai con un -5,04%, Italiaonline con un -4,81% e Il Sole 24 Ore con un -4,38%. Il cambio euro/dollaro torna sotto quota 1,1, mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto i 128 punti base. 

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 16:00) Piazza Affari vira decisamente in positivo dove aver passato buona parte della giornata in zona negativa. In questo momento l’indice FTSE MIB si attesta a 16718 pari ad un +0,16% rispetto alla chiusura di ieri. Tra i titoli che stanno andando meglio figurano Cnh Industrial (+8,25%), Saipem (+2,71%), Recordati (+1,80%), Exor (+1,22%) e Buzzi Unicem (+1,21%) mentre tra quelli più in difficoltà figura Mediaset (-6,50%), Luxottica Group (-4,14%), Unicredit (-1,92%), Mediobanca (-1,84%) e Moncler (-1,33%). In leggera risalita il cambio Euro / Dollaro a 1.0998, il prezzo del greggio è ancora in discesa con il Brent che segna 44,96 dollari al barile mentre l’oro sale dello 0,28%. Infine, stabile lo spread tra i titoli di stato decennali italiani (BTP) ed i bundes tedeschi, pari a 128 punti basi per un rendimento pari all’1,25%.

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 13:20) Piazza Affari cede lo 0,6% e sul listino principale si notano i ribassi di Bper (-2,2%), Luxottica (-4,3%), Mediaset (-9,8%), Mediobanca (-2,5%) e Unicredit (-2,9%). I rialzi più significativi sono invece di Buzzi (+1,4%), Recordati (+2%), Tenaris (+1,3%) e Yoox (+1,3%). Fuori dal listino principale Stefanel guadagna il 10%, Safilo il 4,6%. Enav intanto raggiunge il +10,7%. Il cambio euro/dollaro sale a quota 1,1, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 128 punti base. 

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 9:35) Piazza Affari cede lo 0,8% e sul listino principale non si può non notare la sospensione per eccesso di ribasso di Mediaset, con un teorico -12,76%. Pesa sulla società il comunicato secondo cui Vivendi non intende rispettare il contratto vincolante. Male anche oggi Mps, che perde il 5,5%. Brutta performance anche per Luxottica (-3,5%), Mediobanca (-2%) e Bper (-2,1%). In rialzo troviamo quindi solamente A2A (+0,2%), Atlantia (+0,1%), Banca Mediolanum (+0,2%), Banco Popolare (+0,2%), Buzzi (+0,6%), Campari (+0,7%), Fca (+0,6%), Ferrari (+0,8%), Prysmian (+0,1%), Recordati (+0,8%), Saipem (+0,6%), Stm (+0,3%) e Terna (+0,3%). Fuori dal listino principale Creval cede il 4,2%, mentre Enav al debutto in Borsa sale di oltre il 10%.  Il cambio euro/dollaro si trova sotto quota 1,1, mentre lo spread tra Btp e Bund sale a 129 punti base. 

BORSA ITALIANA OGGI: OCCHI PUNTATI SU MPS, ATTESA PER LA QUOTAZIONE DI ENAV C’è grande attenzione a Piazza Affari per quel che riguarda le banche, oltre al debutto in Borsa delle azioni di Enav. Oggi, in generale, i mercati vedranno il dato relativo alle delibere dei mutui inglesi che sarà comunicato dalla British Bankers' Association (BBA), l’associazione che contiene oltre metà del mercato immobiliare inglese, e che con le sue stime riesce a fornire un idea di come il mercato edilizio si stia muovendo all’interno dell’isola britannica.. Pomeriggio dedicato alle attese dei consumatori a stelle e strisce, i dati saranno resi noti alle 16:00, e dovrebbero vedere un indice assestato attorno a quota 93, una fiducia maggiore potrebbe fornire buoni spunti per la chiusura dei listini europei. Alla stessa ora saranno comunicati anche i dati relativi alla vendita delle nuove abitazioni in territorio americano, relativo al mese di giugno.

La giornata di ieri si è chiuso con il Ftse Mib a -0,52%. Sotto il punto di vista delle singole azioni di nuovo sotto pressione Mps, che ha lasciato sul terreno più dell’8%, anche per via delle voci che tendono a escludere un uso delle risorse pubbliche per mettere in sicurezza la banca. In generale il comparto bancario è comunque i in fibrillazione in attesa dei risultati degli stress test previsti per venerdì. C’è poi attesa per le riunioni in settimana di Federal Reserve e Banca del Giappone. Il differenziale tra Bund tedeschi Btp italiani si è attestato a 127 punti base.



© Riproduzione Riservata.