BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RIPRESA?/ Sapelli: “smontiamo” l’Europa per evitare un’altra recessione

Pubblicazione:martedì 26 luglio 2016

Foto LaPresse Foto LaPresse

È il segno della cecità di una grande organizzazione industriale come Federmeccanica. Se l’economia non cresce non è solo colpa del governo Renzi, ma anche del mondo industriale, impropriamente chiamato imprenditoriale, che non investe e non capisce che l’aumento della massa salariale costringerebbe le sue fabbriche a modernizzarsi e soprattutto aumenterebbe la massa di domanda.

 

Questa nuova recessione riguarda solo l’Europa?

Niente affatto, è una crisi mondiale. Per rendersene conto basta vedere quanto sta avvenendo in America Latina: si sono fermati Brasile, Colombia, Perù e Messico. Lo stesso sta avvenendo in Cina, l’India ha ancora un po’ di capacità produttiva inespressa, ma addirittura l’Australia, che non ha avuto recessione per 24 anni, adesso comincia a preoccuparsi.

 

E gli Stati Uniti?

Gli Stati Uniti sono sostenuti da politiche inflattive, ma anche lì la crisi è ormai lampante nonostante non emerga da un’analisi superficiale. Nelle statistiche americane sulla disoccupazione anche chi lavora un’ora al giorno è considerato come occupato. Non a caso a votare per Donald Trump sono proprio i bianchi poveri, perché c’è una povertà spaventosa.

 

L’Italia quindi non è l’unico Paese a essere messo male?

L’Italia è debole, ma nello stesso tempo ha ancora dei meccanismi anti-crisi. Innanzitutto abbiamo un grande risparmio delle famiglie, le case di proprietà, la famiglia allargata, un sistema di solidarietà gestito dalla Chiesa cattolica. Tutto però è affidato al buon cuore, non certo all’intervento dello Stato o delle aziende.

 

Che cosa possiamo fare per fermare la terza recessione?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >

COMMENTI
26/07/2016 - Qui non c'è niente da smontare ma da lavorare! (claudia mazzola)

Mio marito è agente di commercio...avete presente? Corre come un disperato per fare i target, poi il suo guadagno è tassato esageratamente...restano le briciole. Fa i miracoli con l'aiuto del Signore e portiamo a casa il pane quotidiano. Dio lo benedica.