BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

NOTIZIE MPS/ In Borsa chiude a +0,1%. Banca Ifis esclude acquisto di Npl di Montepaschi

Vediamo le notizie del giorno su Mps: dall'andamento del titolo in Borsa alle news e ai rumors pubblicati su agenzie e quotidiani riguardanti Montepaschi e le altre banche italiane

LapresseLapresse

Piazza Affari chiude in rosso del 2,02% e Mps termina la giornata con un +0,1%, che lascia il titolo a quota 29 centesimi. Giovanni Bossi ha escluso che Banca Ifis possa acquistare da Montepaschi i crediti in sofferenze di cui si parla molto in questi giorni. L'amministratore delegato della banca veneta ha comunque spiegato che continuerà a comprare da Mps portafogli di sofferenze del credito al consumo. – Giornata abbastanza positiva per MPS in attesa di conoscere qual è l’esito degli stress test decisi dalla Banca Centrale Europea per valutare l’effettiva solidità del gruppo senese. Intanto, il Governo per bocca del Ministro Padoan ha avuto parole rassicuranti nei confronti del settore bancario nazionale e quindi anche per Monte dei Paschi di Siena, evidenziando come non vi sia alcuna necessità di intervento da parte dello Stato. Passando alla situazione del titolo MPS a Piazza Affari, c’è una controtendenza. Infatti mentre l’indice FTSE MIB cede quasi un punto percentuale e mezzo, il titolo senese si trova a quota 0,295 facendo segnare un guadagno pari ad 1,83% rispetto alla chiusura fatta registrare alla fine della giornata di contrattazione di ieri.

Piazza Affari amplia le perdite e Mps riduce il suo rialzo al +0,8%, tornando sotto i 30 centesimi ad azione. Secondo Il Sole 24 Ore, oggi a Rocca Salimbeni si reterà in febbrile attese del responso della Banca centrale europea riguardo l'aumento di capitale da 5 miliardi di euro. I vertici di Montepaschi, secondo il quotidiano di Confindustria, sperano di avere una risposta entro sera dal Supervisory board dell'Eurotower che si riunisce proprio oggi. Piazza Affari si muove in rosso, ma Mps sale del 4,5%, superando i 30 centesimi ad azione. Intervistato da Il Corriere della Sera, Jean Pierre Mustier ha spiegato che Unicredit ha preso un impegno sul Fondo Atlante, ma non intende prenderne altri. “I nostri azionisti, i nostri clienti non ci affidano denaro per attività che non sono legate a Unicredit”, ha detto l’amministratore delegato di piazza Gae Aulenti, che ha quindi di fatto escluso che la sua banca prenda parte al consorzio di garanzia per il futuro aumento di capitale di Montepaschi

© Riproduzione Riservata.