BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPILLO/ Italia, l'addio degli Agnelli svela come ci vuole "l'eurocrazia"

Pubblicazione:giovedì 28 luglio 2016 - Ultimo aggiornamento:giovedì 28 luglio 2016, 9.11

Sergio Marchionne e John Elkann (Lapresse) Sergio Marchionne e John Elkann (Lapresse)

Al di là delle statistiche, che comunque ci collocano tra i Paesi fiscalmente più esosi, la verità è che in Italia chi paga tutte le tasse (e sono pochi) ne paga da stramazzare. I provvedimenti economici che funzionano sono solo quelli che riducono la pressione su questo o quel comparto: per esempio, gli sgravi all'edilizia, che grazie a essi è stata in lieve ripresa; o quelli al trasporto marittimo, che grazie a essi assume; o il super-ammortamento, che ha fatto ripartire proprio il mercato dell'auto, portando utili a fiumi nelle casse che adesso, per tutto ringraziamento, Marchionne si farà tassare con mano leggera dalla Regina d'Olanda. 

Ci vorrebbe un coraggio da leoni per estendere questo metodo a tutta l'economia nazionale, e bisognerebbe - cosa forse impossibile - piegare le resistenze di Bruxelles, che non ci autorizzerebbe mai perché gradisce che l'Italia resti nell'angolo. Gli eurocrati che ci comandano millantano un auspicio di ripresa del nostro Paese che nella realtà i Paesi concorrenti da cui sono nominati, partner con noi dell'Unione monetaria, non nutrono affatto. Preferiscono di gran lunga quest'Italia in svendita, deindustrializzata e in bolletta che stanno ottenendo, finalmente, a colpi di direttive draconiane, in modo da spazzarla via dai tanti mercati ricchi dove, nel mondo, gli esportatori tedeschi e francesi trovavano (e ancora oggi trovano, sia pur meno) a sbarrargli il passo soltanto imprese italiane…

Del resto, come biasimare gli Agnelli e Marchionne se vanno a pagare le poche tasse che la legge europea consente loro di pagare, per l'appunto, a patto di trasferirsi fiscalmente altrove? Possono essere accusati di aver applicato una legge a loro disposizione? Neanche per idea. Unica eleganza - ma questi forse non sono i tempi - che il Nonno avrebbe usato, ma il Nipote e il Delegato non si sono nemmeno sognati di adottare, sarebbe stata quella di non parlare a vanvera del bello delle riforme italiane, se poi fosse stato altrettanto pronto a prescinderne, senza dargli neanche il tempo di compiersi: ammesso che il governo possa ancora essere considerato in grado di farle.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.