BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

CAOS BANCHE/ Senza intervento pubblico rischiamo il ko

LaPresseLaPresse

Quella in cui ci troviamo è una situazione eccezionale, e la sovranità è il potere di intervenire proprio in queste condizioni. Ci stiamo avvicinando a rapidi passi verso un momento di questo tipo, proprio mentre la sovranità tanto nazionale quanto europea è carente. Non c’è infatti nemmeno una sovranità della Germania se non per dire di no a tutto.

 

Chi deve intervenire dunque? L’Ue o il governo italiano?

Se la soluzione deve avvenire a livello europeo, come è giusto che sia, bisogna mettere sul tavolo non solo le sofferenze delle banche italiane, ma anche altre sofferenze che non sono certo da meno. Una soluzione italiana d’altra parte è molto difficile, in primo luogo a livello politico. Si tratta infatti di muoversi sul filo del rasoio di norme europee e sovranità nazionale che non hanno mai dato grandi risultati.

 

E quindi?

In situazioni di emergenza come quella attuale è inevitabile trovare una soluzione. A un certo punto di questa telenovela è necessario ricorrere a un intervento pubblico. Non si può certo immaginare una soluzione che vada a pescare nelle tasche degli italiani, perché a quel punto scoppierebbe la rivolta. La soluzione realisticamente più a portata di mano rende quindi inevitabile l’intervento del governo italiano, sia pure nel modo più morbido possibile per renderlo digeribile a livello europeo.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
06/07/2016 - Banche (delfini paolo)

Sarebbe davvero più che necessario,ma nel nostro caso i parrucconi della troika diranno che un'iniziativa del genere è "statalista" e va contro la "logica del mercato " !