BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

OLIMPIADI 2024/ I "rischi" di ospitare i Giochi in Italia

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Lapresse  Lapresse

Gli entusiasti fanno sempre notare che il deficit di breve termine si traduce però in un guadagno sul lungo periodo, visto che le Olimpiadi garantiscono l'aumento del turismo, degli investimenti esteri e del commercio: anche qui, le evidenze empiriche non sostengono questa tesi. Partiamo dal turismo, un qualcosa che per l'Italia è una vera e propria dinamo della crescita. Durante i mesi di luglio e agosto 2012, il numero di persone che hanno visitato Londra, all'epoca città ospitante, scese del 5% e negozi, musei, ristoranti e teatri nell'area di Piccadilly Circus registrarono profitti piatti nei 17 giorni dei Giochi. Ormai, i turisti evitano come la peste le città che ospitano le Olimpiadi, in primis per l'aumento esponenziale dei prezzi, basti vedere i costi degli alberghi a Londra nel 2012, salvo crollare a kermesse in corso perché erano mezzi vuoti, se non deserti. Si fugge da ritardi nei trasporti, folle oceaniche e anche, in questo periodo, da possibili minacce alla sicurezza: ospitare i Giochi, insomma, fa più danno che utile al turismo. Inoltre, se i turisti evitano le città ospitanti o, peggio, hanno un brutto ricordo del loro soggiorno, non scatterà nemmeno l'effetto passaparola con amici e parenti, l'agenzia di viaggi più efficace del mondo nelle serate in cui si mostrano le foto della vacanza. 

C'è poi anche un altro rischio connesso all'ospitare i Giochi, ovvero finire sotto la lente d'ingrandimento del mondo non solo durante il periodo delle gare, ma anche nei mesi che le precedono. E come avrete visto, Rio non ha beneficiato a livello d'immagine dai report sulla preparazione, visto che una città che nell'immaginario era legata alla sua bellezza naturale e allo stile di vita rilassato, ora agli occhi del mondo è sintomo di corruzione, violenza, traffico, inquinamento, instabilità politica e virus Zika. Di fatto, solo la spesa infrastrutturale beneficia dall'essere una città ospitante e Roma, con la sua tradizione decennale di palazzinari senza scrupoli, rischia di pagare un prezzo molto caro sul lungo termine: certo, Rio avrà in eredità un aeroporto e un porto migliorati, ma questo è un premio di consolazione, non una conquista, perché al netto di un sviluppo produttivo da 1 miliardo di dollari o poco più, restano la cifra enorme spesa per ospitare i Giochi, la quale non migliora la città per la gran parte di abitanti e visitatori abituali. 

Prendiamo un esempio proprio da Rio. La linea della metropolitana che connette lo spazio degli eventi sulla spiaggia a Barra de Tijuca, un sobborgo della città a circa 15 chilometri, doveva costare 1,6 miliardi e ne è costata 2,9: l'unico a beneficiare di questo miglioramento infrastrutturale sarà il valore degli immobili a Barra de Tijuca, ma non migliorerà affatto il problema che più affligge la città, ovvero il suo traffico spaventoso. Il grosso dei lavoratori che proviene da nord e ovest del centro di Rio non avranno alcun beneficio, ma grazie alle loro tasse le case di qualcuno varranno il doppio. 


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >