BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

Canone Rai 2016 in bolletta / News, cosa fare se lo si è pagato due volte per lo stesso nucleo familiare (oggi, 22 agosto)

Canone Rai 2016 in bolletta: le ultime notizie e novità live di oggi 22 agosto 2016. News e polemiche, la prima rata da 80 euro scalda gli animi: ma è un falso problema. News in tempo reale

Canone Rai 2016 (Foto: LaPresse)Canone Rai 2016 (Foto: LaPresse)

Gli italiani in questi giorni stanno facendo i conti con i cambiamenti voluti dal Governo Renzi per il pagamento del Canone Rai che hanno quale principale obiettivo quello di minimizzare l’enorme evasione fiscale riscontrata nel passato. In questa fase transitoria non stanno mancando i dubbi ed i disguidi. È piuttosto facile incorrere in talune problematiche come quella di vedersi richiedere il canone per due persone dello stesso nucleo familiare. In questo caso, per ottenere il rimborso è necessario presentarne la richiesta utilizzando i moduli presenti sul sito dell’Agenzia delle Entrate indicando nell’apposito campo dedicato alla Motivazione il codice 4. Assieme al codice va anche inserito il codice fiscale del familiare a cui è stato erroneamente addebitato il canone ed il periodo in cui sussiste tale condizione (presenza nello stesso nucleo familiare).

Con le prime bollette arrivate del Canone Rai 2016 sono ovviamente scoppiate le nuove polemiche che da inizio anno hanno accompagnano l’operato del Governo sul fronte canone e bolletta elettrica. Qui sotto ribadiamo le prime confusioni che si sono generate con le fatture arrivate, mentre ora affrontiamo un altro punto spinoso: se vi viene addebitato un pagamento sbagliato o peggio di pagare il canone quando invece siete esentati dal farlo, ecco come fare per chiedere il rimborso. Innanzitutto per chiedertelo bisogna utilizzare il modello disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate ma, attenzione, solo dal 15 settembre. Si potrà dunque presentare la richiesta solo d aquile data in poi utilizzando una web-app dedicata apposita: occorre indicare oltre ai dati anagrafici, la fattura su cui è stato addebitato il canone e poi anche il motivo della richiesta di rimborso. Un esempio lo indica il Secolo XIX: se il contribuente intende chiedere il rimborso del Canone Tv per il 2015 o per gli anni precedenti, non si può utilizzare questo modello. Infatti il modello sopraindicato è valido solo nel caso in cui “il canone sia stato pagato indebitamente a seguito di addebito nella fattura elettrica, a partire dall’anno 2016”.

Il Canone Rai 2016 da pagare in bolletta torna nelle cronache quotidiane per via delle prime lamentele effettive che stanno arrivando ali servizio clienti Rai dopo le prime bollette arrivate. Ci sono moltissimi contribuenti che lamentano come, a differenza di quanto affermato dal Governo in via definitiva con la nuova legge (e cioè che si conta fatturazione da febbraio a novembre da pagarsi in 100 euro, e quindi con la prima fattura dopo la legge che doveva essere di 70 euro) ci si è trovati in bolletta 80 euro. Apriti cielo, centralini intasati e moltissime polemiche per chi si sente raggirato dallo stato: ora, attenzione ai falsi problemi perché in realtà la questione è spiegabile molto semplicemente. Nonostante tutti i problemi causati negli ultimi mesi di confusione per il nuovo metodo di pagamento del Canone Rai, almeno questa volta il Governo non c’entra: per chi infatti ha ricevuto la prima bolletta con scadenza a fine agosto, e qui dipende dalla varie compagnie energetiche, si è trovato giustamente la cifra di 80 euro, mentre chi l’ha ricevuta ad inizio luglio l’importo da pagare è di 70 euro. Resta difficile da comprendere in prima battuta ma sulla lunga gli errori comunque non dovrebbero esserci: si pagherà tutti 100 euro, ma relativi alla propria suddivisione di fatture elettriche che ovviamente non può essere per tutti uguale.

© Riproduzione Riservata.