BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Se Confindustria "boccia" (in anticipo) la manovra di Renzi

Pubblicazione:

Matteo Renzi (LaPresse)  Matteo Renzi (LaPresse)

Indubbiamente c'è una forte intesa, oggi, tra la Confindustria e il governo, ma non è senza condizioni: superato il referendum, e soprattutto se dovesse vincere quel "sì" che Renzi e Vincenzo Boccia, presidente degli industriali, sostengono con la stessa convinzione, non si potrà più aspettare neanche un minuto per imprimere una svolta alla politica economica italiana. Questo è il "Boccia pensiero" com'è emerso in tutti gli ultimi discorsi dell'industriale ("sì, mi ripeto, perché tra dare una frase nuova per un titolo nuovo ogni giorno e insistere sui temi-chiave preferisco questa seconda scelta", dice) e questa è anche l'incognita che grava sui rapporti oggi idilliaci tra l'associazione degli imprenditori e il premier. Il quale da una parte rivendica una serie di misure varate a favore delle imprese — dall'Imu sui macchinari imbullonati a terra agli sgravi sulle imposte sul reddito — che nessuno aveva mai fatto, ma dall'altra ha indubbiamente riservato molta attenzione (e spesa pubblica) a misure dirette invece a gratificare direttamente i cittadini meno abbienti ma portatori di tessera elettorale. Il bonus degli 80 euro a chi guadagna fino a 1500 euro al mese, il bonus per i giovani, gli stessi sgravi del Jobs Act, che se giovano ai conti delle aziende che assumono, parlano al cuore dei neoassunti…

Saprà, Renzi, incrociare davvero i "desiderata" degli industriali con le sue priorità politiche? Forse anche no: dipende. Si vedrà dopo il referendum, è la sensazione. Perché Boccia gioca pesante e dice che 3 miliardi di euro sono il minimo per poter finanziare una politica economica di segno nuovo, capace di incentivare l'offerta di prodotti, e non solo la domanda di consumi. E si sa che Boccia pensa innanzitutto — anche se non solo — al finanziamento degli sgravi fiscali sul salario integrativo, i premi di produzione insomma, quelli che secondo Confindustria dovrebbero diffondersi in tutte le aziende italiane, anche a costo di ridimensionare gli automatismi garantiti dai contratti nazionali (ipotesi verso la quale i sindacati mostrano una nuova "apertura"). Ebbene, Boccia non farà sconti su questo tema; mentre Renzi, che a sua volta deve negoziare euro per euro con l'Unione europea, condivide la linea di fondo confindustriale sui salari di produttività ma vuole anche confermare ed anzi vorrebbe accentuare le misure volte direttamente a sostenere la domanda.

"Non siamo contrari a misure che sostengano la domanda", ha precisato al riguardo Boccia ieri a Salerno, alludendo ai numerosi interventi di questo tipo, dagli 80 euro ai vari bonus, "ma non determinano un aumento stabile del Pil. Possono anche essere fatti, ma nelle scelte di politica economica, prima di distribuire la torta bisogna farla crescere".  



  PAG. SUCC. >