BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RIPRESA?/ Servono soldi pubblici, la ricetta di Boccia è troppo incerta

Pubblicazione:

Lapresse  Lapresse

Se dovessero vincere i No si troveranno altre modalità, spero più semplici, per coinvolgere i cittadini rispetto alla modifica della Costituzione. In ogni caso la posta in gioco del referendum non è l’analogo italiano della Brexit. Stiamo casomai chiamando i cittadini a esprimere il loro punto di vista su una riforma molto delicata e complessa. Se vogliamo negare la sovranità popolare sulla scelta della Costituzione, stiamo tirando un po’ troppo la corda: sarebbe uno strappo davvero esagerato. La sovranità popolare di un Paese va rispettata, e non si vede perché ciò non possa avvenire anche per l’Italia.

 

Dopo il referendum cambierà lo scenario politico nel nostro Paese?

Sia che vinca il Sì, sia che vinca il No, l’Italia continuerà a essere un membro dell’area euro e le elezioni politiche si terranno regolarmente nel 2018. A quel punto di tratterà di capire come collegare lo snodo del referendum con l’eventuale prospettiva di elezioni. Onestamente la mia percezione è che ci troviamo già da un po’ in una situazione di incertezza interna, legata a un clima elettorale che finisce con l’essere anche cattivo consigliere ostacolando l’approvazione di manovre che possano finalmente fare riemergere il Paese in modo stabile dalla situazione in cui ci siamo messi.

 

Nel frattempo la Brexit affida all’Italia l’opportunità di essere il terzo Stato Ue più importante dopo Francia e Germania?

Valuto come un progetto ambizioso l’idea che l’Italia possa prendere il posto della Gran Bretagna in un trio composto anche da Francia e Germania. Dopo gli Stati Uniti, la Gran Bretagna è infatti il secondo partner commerciale della Germania. Quando si parla di Brexit quindi non si deve dimenticare che formalmente ci sarà l’uscita, ma nella sostanza Berlino troverà modalità alternative per conservare un interscambio fondamentale con Londra. Nei fatti quindi il Regno Unito non uscirà dall’Ue, ma diventerà una sorta di convitato di pietra.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.