BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Borsa Italiana oggi/ Milano, news: Saipem a -3%, La Doria a -12,1% (oggi, 20 settembre 2016)

Pubblicazione:martedì 20 settembre 2016 - Ultimo aggiornamento:martedì 20 settembre 2016, 15.48

Lapresse Lapresse

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 15:45) Piazza Affari cede l’1% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Fineco (+0,8%), Luxottica (+0,5%), Moncler (+0,3%), Prysmian (+0,7%), Recordati (+0,2%) e Stm (+1%). I ribassi più ampi sono invece quelli di Bper (-3,6%), Bpm (-3,7%), Mps (-4,4%), Saipem (-3%) e Unipol (-3%). Fuori dal listino principale Pininfarina sale del 3,3%, La Doria cede il 12,1%, Stefanel il 10% e Chl il 6,1%. Il cambio euro/dollaro resta sotto quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto i 127 punti base. 

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 11:50) Piazza Affari perde lo 0,8% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Campari (+0,2%), Fineco (+0,4%), Luxottica (+0,4%), Moncler (+0,1%), Poste Italiane (+0,2%), Prysmian (+0,9%), Recordati (+0,1%), Terna (+0,2%), Unicredit (+0,1%), Yoox (+0,1%) e Stm (+1,6%). Sul fronte dei ribassi, invece, spicca il -4,3% di Mps. Male anche Bpm (-3,4%), Banco Popolare (-3%), Bper (-2,6%), Intesa Sanpaolo (-2,1%), Ubi Banca (-3,3%) e Unipol (-3,3%). Fuori dal listino principale Pininfarina guadagna il 3,7%, mentre Stefanel cede l’8,2%. Il cambio euro/dollaro si allontana da quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 128 punti base. 

BORSA ITALIANA OGGI (aggiornamento delle ore 9:40) Piazza Affari cede lo 0,4% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Campari (+0,2%), Enel (+0,1%), Luxottica (+0,1%), Poste Italiane (+0,1%), Prysmian (+0,6%), Terna (+0,3%) e Unicredit (+1,7%). Sul fronte dei ribassi, invece, spicca il -5,8% di Mps. Male anche Bpm (-2,2%), Bper (-1,6%), Mediaset (-1,7%), Mediobanca (-1,7%), Saipem (-2%), Ubi Banca (-2,2%) e Unipol (-2,3%). Fuori dal listino principale Pininfarina guadagna il 3,8%, Banzai il 2%, mentre Carige cede il 4,3% e Stefanel il 4,5%. Il cambio euro/dollaro si attesta a quota 1,12, mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto i 128 punti base. 

BORSA ITALIANA OGGI: PIAZZA AFFARI CERCA UN ALTRO RIALZO Piazza Affari cercherà oggi di confermare il rialzo di ieri. In mattinata è atteso l’indice dei prezzi alla produzione in Germania. Gli analisti, in mancanza di altri dati europei, si concentreranno poi sul mercato edile americano, con gli attesi dati sui permessi di costruzioni rilasciati dall’amministrazione a stelle e strisce. Il dato è importantissimo, soprattutto se abbinato al rilascio delle concessioni edilizie, (previsto un balzo in avanti di oltre mezzo punto percentuale) e a quello dei nuovi cantieri di edilizia residenziale aperti nel mese di agosto, quest’ultimi, ancorché in leggero calo rispetto al mese precedente, dovrebbero superare abbondantemente il milione. 

Ieri, come detto, la Borsa Italiana ha messo a segno un buon rialzo, pari all’1,28%, riportandosi a quota 16.400 punti. In campo europeo borse tutte in verde, con la sola Francoforte sotto il punto percentuale (+0,95%) e con Londra maglia rosa con un ottimo rialzo dell’1,54 %, seguita da Parigi che mette a segno un +1,43%. Nel campo prettamente azionario, spicca ieri il rimbalzo di Unicredit +4,32% a 2,054 euro, che gode delle manifestazioni d’interesse presentate per la controllata Pioneer, azienda appetibile. Posizione in contraltare rispetto a Unicredit per Mps, che ieri ha accusato l’ennesimo scivolone perdendo un punto percentuale, cosa che di fatto porta il suo valore a 0,2 euro per azione.

Ricordiamo che oggi inizierà la riunione del Fomc della Federal Reserve. Domani è atteso il discorso di Janet Yellen sukle decisioni prese dal Board, e l’impressione degli analisti è quella che la politica monetari Usa non vedrà variazioni di sorta almeno fino a dicembre. Nel frattempo il differenziale tra Bund tedeschi e Btp ha fatto registrare un calo, chiudendo comunque sopra i 130 punti base.



© Riproduzione Riservata.