BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MANOVRA/ Il trucco di Renzi per aggirare i vincoli dell'Europa

Pubblicazione:

LaPresse  LaPresse

In parallelo, è importante notare che gli occupati italiani sono con i francesi quelli con minori ore di lavoro annuali effettive nel mondo occidentale. Lo aveva rilevato Edward Prescott in un saggio pubblicato (ma si tratta di mera coincidenza) lo stesso anno (il 2004) in cui gli è stato conferito il Premio Nobel. Uno studio freschissimo di Alexander Bick (Arizona State University), Bettina Bruggemann (McMaster University) e Nicola Fuchs-Schundeln (Goethe Universitat di Francoforte) - Iza Discussion Paper No. 10179 - utilizza i dati delle indagini nazionali sulle forze di lavoro dal 1983 al 2011 per esaminare le ore effettivamente lavorate per persona occupata a livello aggregato per 18 Paesi europei e per gli Stati Uniti. In generale, gli europei occupati lavorano, su base annua, il 19% di meno degli americani. Circa la metà del differenziale deve attribuirsi a livelli d'istruzione e a normative nazionali su ferie e congedi. E l'Italia ne esce male.

Cos'ha fatto l'unica misura di politica economica del Governo, il Jobs Act, per mutare tale situazione? Dato che c'è un nesso tra ore lavorate, produttività e crescita, la materia richiede attenzione. Più della contabilità creativa.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.