BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano, news: chiusura a -0,55%, Leonardo a -4,34% (13 novembre 2017)

Borsa italiana news. Piazza Affari oggi comincia una nuova settimana, cercando di riprendere un trend rialzista. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

Borsa italiana news, LapresseBorsa italiana news, Lapresse

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in calo dello 0,55% e sul listino principale troviamo in rialzo Azimut (+0,44%), Bper (+0,9%), Ferrari (+1,17%), Luxottica (+0,48%), Mediaset (+1,05%), Mediobanca (+0,15%), Moncler (+0,91%), Terna (+0,38%) e Unicredit (+0,12%). I ribassi più ampi sono quelli di Brembo (-1,54%), Buzzi (-1,09%), Fineco (-1,89%), Generali (-1,4%), Leonardo (-4,34%), Prysmian (-1,03%), Telecom Italia (-3,23%), Tenaris (-1,25%), Ubi Banca (-1,75%), Unipol (-2%), UnipolSai (-2,17%) e Yoox (-2,17%). Fuori dal listino principale Fedon con un +5,48%, mentre La Doria cede il 10,15%. Il cambio euro/dollaro resta sopra quota 1,165, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 141 punti  base. 

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:55

La Borsa italiana perde lo 0,9% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Ferrari (+1,1%), Italgas (+0,4%), Luxottica (+0,2%), Mediaset (+0,4%) e Terna (+0,5%). I ribassi più ampi sono quelli di Atlantia (-1,1%), Bper (-1,1%), Brembo (-1,5%), Buzzi (-1,3%), Eni (-1%), Fineco (-2,3%), Generali (-1,6%), Intesa Sanpaolo (-1,3%), Leonardo (-4%), Prysmian (-1,1%), Telecom Italia (-3%), Tenaris (-1,3%), Ubi Banca (-3%), Unipol (-1,9%), UnipolSai (-2,4%) e Yoox (-1,5%). Fuori dal listino principale Fedon guadagna il 5,5%, mentre La Doria cede il 9%. Il cambio euro/dollaro supera quota 1,165, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 142 punti  base. 

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:45

La Borsa italiana perde lo 0,5% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Brembo (+0,1%), Campari (+0,5%), Enel (+0,8%), Ferrari (+1,3%), Italgas (+0,4%), Mediobanca (+0,1%), Recordati (+0,3%), Snam (+0,1%) e Terna (+0,1%). I ribassi più ampi sono quelli di Banca Mediolanum (-1,1%), Banco Bpm (-1,8%), Bper (-3,3%), Generali (-1,1%), Leonardo (-3,5%), Telecom Italia (-2,7%), Ubi Banca (-1,6%), Unicredit (-1,3%), Unipol (-1,6%), UnipolSai (-1,6%) e Yoox (-1,7%). Fuori dal listino principale Safe Bag guadagna il 3,8%, mentre Digital Bros cede il 6,5%. Il cambio euro/dollaro si avvicina a quota 1,165, mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 144 punti  base. 

PIAZZA AFFARI COMINCIA UNA NUOVA SETTIMANA

Giornata praticamente priva di dati macroeconomici quella di oggi. Alle 8:00 arriverà l'indice dei prezzi all'ingrosso in Germania per il mese di ottobre. Le attese sono per un incremento dello 0,6%. Alle 15:00, invece, sono previste delle aste di titoli di Stato francesi con scadenza a tre, sei e dodici mesi. In tutti i casi i tassi previsti sono negativi, intorno allo 0,6%. Infine alle 20:00 è prevista la pubblicazione del budget federale per il mese di ottobre degli Stati Uniti. Venerdì Piazza Affari ha chiuso in ribasso dello 0,36% a quota 22.560 punti. La settimana non è stata delle migliori per le borse europee. Sembra essere iniziato un periodo di correzioni, molto rapide, con maggiore volatilità. In questo contesto la peggiore è stata senza dubbio Leonardo, che ha fatto registrare un pesante ribasso del 21,55% dopo dei conti decisamente sotto le attese. I ricavi per quest'anno sono stati tagliati a 11,5 miliardi dai precedenti 12. Anche le stime sull'Ebita sono state tagliate da 1,3 a 1,05 miliardi. In calo anche gli ordinativi previsti.

Male anche Brembo, che ha perso più di tre punti percentuali, e Banco Bpm, che ha fatto registrare un ribasso del 2,84%. In calo anche quasi tutti gli altri titoli bancari: Mps ha lasciato sul terreno il 4,34%. Ancora peggio ha fatto Creval che continua a pagare il prossimo aumento di capitale: il titolo ha perso oltre dieci punti percentuali. Male anche Bper che ha ceduto l'1,08% e Intesa Sanpaolo che ha perso lo 0,61%. In controtendenza, invece, Unicredit che ha messo a segno un rialzo dell'1,93%. Brutta seduta anche per Azimut, che è scesa del 2,29%, e Telecom Italia, che ha chiuso in ribasso dell'1,66%. Buona sessione, invece, per Stm e Italgas. La prima ha guadagnato il 2,3% mentre la seconda ha fatto registrare un rialzo dell'1,08%. Lo spread fra Btp e Bund è salito a 148 punti base.

© Riproduzione Riservata.