BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano, news: chiusura a+1,4%, Unicredit a +4,12% (8 dicembre 2017)

Borsa italiana news. Piazza Affari oggi chiude la settimana guardando ai 22.500 punti che sono sempre più vicini. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

Borsa oggi, LapresseBorsa oggi, Lapresse

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in rialzo dell’1,4% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Atlantia (-0,68%), Banca Mediolanum (-0,49%) e Saipem (-0,59%). I rialzi più significativi sono quelli di Azimut (+1,93%), Banco Bpm (+2,96%), Banca Generali (+1,78%), Exor (+1,89%), Fca (+2,69%), Ferragamo (+1,57%), Fineco (+1,76%), Intesa Sanpaolo (+2,64%), Moncler (+2,35%), Recordati (+1,66%), Ubi Banca (+2,16%) e Unicredit (+4,12%). Fuori dal listino principale Creval chiude con un +9,02%, Imvest con un +5,67%, mentre Fidia cede il 4,47% e Carige il 3,67%. Il cambio euro/dollaro si attesta a quota 1,175, mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 133 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:40

La Borsa italiana guadagna l’1,3% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Atlantia (-0,7%), Banca Mediolanum (-0,2%), Brembo (-0,1%), Saipem (-0,6%) e UnipolSai (-0,2%). I rialzi più significativi sono quelli di Banco Bpm (+2,2%), Cnh Industrial (+1,6%), Exor (+1,9%), Fca (+1,9%), Ferragamo (+1,9%), Ferrari (+1,5%), Fineco (+1,6%), Intesa Sanpaolo (+2,8%), Moncler (+2,3%), Recordati (+1,8%), Ubi Banca (+2,3%), Unicredit (+3,5%) e Yoox (+1,6%). Fuori dal listino principale Creval sale del 9,3%, mentre Carige cede il 3,7%. Il cambio euro/dollaro risale sopra quota 1,175, mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto i 134 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:40

La Borsa italiana guadagna l’1,3% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Atlantia (-0,3%), Saipem (-0,6%) e Tenaris (-0,1%). I rialzi più significativi sono quelli di Banco Bpm (+3%), Banca Generali (+1,8%), Buzzi (+2,8%), Exor (+1,5%), Fca (+2%), Fineco (+2,2%), Intesa Sanpaolo (+3,1%), Stm (+1,7%), Ubi Banca (+3,2%), Unicredit (+2,9%) e Yoox (+1,5%). Fuori dal listino principale Creval sale dell’8,6%, mentre Prismi cede il 5,3%. Il cambio euro/dollaro scende sotto quota 1,175, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 139 punti base.

PIAZZA AFFARI GUARDA AI 22.500 PUNTI

Giornata molto scarna dal punto di vista macroeconomico quella di oggi. Alle 8:00 sarà comunicato il saldo della bilancia commerciale tedesca per il mese di ottobre. Alle 8:45 il dato sulla produzione industriale francese per il mese di ottobre: le attese sono per una diminuzione dello 0,1%. Alle 14:30, dagli Stati Uniti, il salario medio orario per il mese di novembre: è visto in crescita dello 0,3%. Sempre alla stessa ora, le buste paga del settore non agricolo per il mese di novembre e il tasso di disoccupazione statunitense per il mese di novembre: gli analisti stimano un risultato invariato al 4,1%. Infine ore 16:00 l'indice sull’aspettativa dei consumatori del Michigan per il mese di dicembre: gli economisti hanno fissato il consensus a 99,2 punti, in aumento rispetto al mese precedente. Ieri Piazza Affari è riuscita a chiudere in rialzo dello 0,68% a quota 22.459 punti, avvicinandosi nuovamente alla resistenza dei 22.500 punti. La seduta è stata particolarmente positiva per i titoli bancari: secondo gli ultimi rumors la Bce sarebbe pronta a un passo indietro sulle nuove regole relative agli Npl, che quantomeno verranno rimandate di qualche mese. Nelle prossime giornate, tuttavia, è probabile che si avranno delle maggiori certezze in merito.

In questo contesto, a beneficiarne di più, è stata Bper che ha guadagnato più di tre punti percentuali. Molto bene anche Banco Bpm che ha fatto registrare un progresso del 2,74%. Bene anche Ubi Banca che ha archiviato la sessione con un rialzo dell'1,17% e Unicredit che ha guadagnato quasi due punti percentuali. Unica nota stonata è stata Creval dopo che Moody’s ha tagliato il rating: il titolo è rimasto sospeso per gran parte della seduta, arrivando a cedere quasi dieci punti percentuali. In asta di chiusura, il titolo ha fatto segnare un ribasso del 6,58%. In luce per la seconda seduta consecutiva Telecom Italia che ha messo a segno un rialzo dell'1,84%: gli investitori continuano ad apprezzare il piano industriale presentato nella precedente seduta. Male, invece, Yoox che è stata una delle peggiori della giornata: ha perso l'1,49%. Lo spread fra Btp e Bund è sceso a 139 punti base. In calo il rendimento del Btp decennale, ora pari all'1,67%.

© Riproduzione Riservata.