BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano, news: chiusura a -0,53%, Leonardo a -3,6% (20 marzo 2017)

Borsa italiana news, gli aggiornamenti sull'andamento di Piazza Affari e le ultime notizie dal mondo finanziario. Le news sulle azioni più importanti del mercato italiano

Borsa italiana oggi, LapresseBorsa italiana oggi, Lapresse

Piazza Affari chiude la seduta con un calo dello 0,53% e sul listino principale troviamo in rialzo A2A (+1,48%), Banca Mediolanum (+0,38%), Buzzi (+0,42%), Campari (+0,3%), Cnh Industrial (+0,06%), Fineco (+0,64%), Italgas (+0,81%), Prysmian (+0,21%), Saipem (+0,15%), Ubi Banca (+0,29%), Unipol (+2,49%), UnipolSai (+2,44%) e Yoox (+1,62%). I ribassi più ampi sono quelli di Azimut (-0,94%), Bper (-1,19%), Brembo (-0,66%), Exor (-0,65%), Fca (-1,77%), Ferragamo (-1,05%), Leonardo (-3,6%), Moncler (-1,63%), Poste Italiane (-1,31%), Recordati (-1,82%), Snam (-0,87%), Stm (-1,38%), Tenaris (-1,77%) e Unicredit (-1,23%). Fuori dal listino principale Il Sole 24 Ore chiude a +25,63%, mentre Technogym cede il 3,77%. Il cambio euro/dollaro scende sotto quota 1,075, mentre lo spread tra Btp e Bund si avvicina ai 193 punti base. 

Piazza Affari cede lo 0,1% e sul listino principale si notano i ribassi di Azimut (-0,6%), Fca (-1,3%), Leonardo (-3,3%), Mediaset (-0,8%),  Moncler (-0,6%), Poste Italiane (-0,8%), Recordati (-1,3%), Snam (-0,6%), Stm (-0,9%) e Tenaris (-1,7%). I rialzi più significativi sono invece quelli di A2A (+1,5%), Banca Mediolanum (+0,8%), Intesa Sanpaolo (+0,8%), Italgas (+1,2%), Ubi Banca (+1%), Unipol (+3,3%), UnipolSai (+2%) e Yoox (+1,3%). Fuori dal listino principale Il Sole 24 Ore sale del 15,5%, Eurotech dell’8,5%, mentre Casta Diva cede il 4%. Il cambio euro/dollaro si attesta a quota 1,075, mentre lo spread tra Btp e Bund si porta a 192 punti base. 

Piazza Affari sale dello 0,2% e sul listino principale troviamo in rosso Campari (-0,6%), Enel (-0,1%), Fca (-0,5%), Fineco (-0,2%), Leonardo (-2,5%), Luxottica (-0,1%), Poste Italiane (-0,5%), Recordati (-0,2%), Stm (-0,1%), Tenaris (-0,7%) e Terna (-0,4%). I rialzi più significativi sono quelli di A2A (+0,8%), Banca Mediolanum (+0,6%), Bper (+1,1%), Buzzi (+0,7%), Ferrari (+0,6%), Intesa Sanpaolo (+0,8%), Italgas (+0,6%), Mediobanca (+0,8%), Unipol (+1,8%) e UnipolSai (+1,2%). Fuori dal listino principale Il Sole 24 Ore sale dell’11,5%, mentre Irce cede il 3,8%. Il cambio euro/dollaro si trova sopra quota 1,075, mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto i 192 punti base. 

Per Piazza Affari la giornata di oggi presenta dati poco significativi. Alle ore 9:00 verrà comunicato l'indice tedesco dei prezzi di produzione relativo al mese di febbraio. Alle ore 11:00 toccherà, invece, ai salari annuali dell'area euro: gli analisti si aspettano un aumento di circa un punto percentuale. Alle ore 15 sono previste diverse aste di bond francesi con scadenza a tre, sei e dodici mesi. Previsto tassi in leggero rialzo, nonostante con molta probabilità rimarranno negativi. Nessun dato di spessore invece dagli Stati Uniti.

Venerdì è stata una giornata piuttosto piatta per Piazza Affari, che ha chiuso sostanzialmente sulla parità a quota 20.074 punti. La seduta è stata piuttosto scarna per quanto concerne la volatilità. L'indice ha aperto facendo segnare nuovi massimi rispetto alla seduta precedente, ma ha poi immediatamente ripiegato oscillando intono ai valori precedenti e chiudendo piatta con un ribasso frazionale dello 0,18%. I bancari hanno chiuso in ordine sparso con Intesa Sanpaolo che ha guadagnato lo 0,4%, Unicredit che ha chiuso invariata, Ubi Banca che è salita dello 0,95% mentre Banco Bpm ha ceduto lo 0,6%. Particolarmente bene Brembo che ha chiuso la seduta con un rialzo dell'1,8% e anche Campari che ha messo a segno una progressione dell'1,7%. Continua il buon momento per Telecom Italia che ha chiuso le contrattazioni con un rialzo dell'1,89% mentre Azimut ha fatto segnare un guadagno dell'1,77%. Male Leonardo che ha lasciato sul terreno il 2,37%.

La giornata non è stata molto mossa per i titoli di Stato. Lo spread fra Btp e Bund rimane elevato, ma sotto i 200 punti base, a quota 192. In leggero aumento il rendimento del Btp decennale italiano che si attesta al 2,52%.

© Riproduzione Riservata.