BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano, news: chiusura a +0,53%, Cnh Industrial a +2,5% (12 gennaio 2018)

Borsa italiana news. Piazza Affari oggi chiude una settimana in cui sta facendo registrare continui progressi. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

Borsa, LapresseBorsa, Lapresse

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in rialzo dello 0,53% e sul listino principale troviamo in rosso solo Atlantia (-0,53%), Fineco (-0,52%), Generali (-0,32%), Leonardo (-0,18%), Mediobanca (-0,31%), Moncler (-0,16%), Pirelli (-0,19%), Stm (-0,1%), Telecom Italia (-0,6%), Unipol (-0,83%), UnipolSai (-1,07%) e Yoox (-0,34%). I rialzi più consistenti sono quelli di Azimut (+1,34%), Banco Bpm (+1,32%), Banca Generali (+1,46%), Bper (+1,02%), Brembo (+0,83%), Cnh Industrial (+2,5%), Exor (+1,5%), Fca (+0,68%), Ferragamo (+1,64%), Intesa Sanpaolo (+1,27%), Luxottica (+1,29%), Poste Italiane (+0,78%), Prysmian (+1,77%), Recordati (+1,05%), Tenaris (+0,92%), Ubi Banca (+0,65%) e Unicredit (+0,92%). Fuori dal listino principale Fedon chiude con un +11,94%, mentre Imvest cede il 7,41%. Il cambio euro/dollaro raggiunge quota 1,215, mentre lo spread tra Btp e Bund resta sotto i 140 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:55

La Borsa italiana guadagna lo 0,5% e sul listino principale troviamo in rosso A2A (-0,1%), Atlantia (-0,5%), Campari (-0,2%), Enel (-0,2%), Generali (-0,6%), Italgas (-0,2%), Moncler (-0,1%), Pirelli (-0,1%), Stm (-0,6%), Telecom Italia (-0,3%), Terna (-0,3%), Unipol (-0,8%), UnipolSai (-1%) e Yoox (-0,3%). I rialzi più consistenti sono quelli di Azimut (+1,1%), Banco Bpm (+1,2%), Banca Generali (+0,9%), Bper (+1,8%), Cnh Industrial (+2,5%), Exor (+0,8%), Fca (+1,4%), Ferragamo (+1,4%), Intesa Sanpaolo (+1,6%), Prysmian (+1,1%), Saipem (+0,8%), Tenaris (+0,6%), Ubi Banca (+1,7%) e Unicredit (+1,7%). Fuori dal listino principale Go Internet sale del 12,3%, mentre Imvest cede il 6,8%. Il cambio euro/dollaro resta sopra quota 1,21, mentre lo spread tra Btp e Bund scende sotto i 140 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:20

La Borsa italiana guadagna lo 0,4% e sul listino principale troviamo in rosso Atlantia (-0,1%), Campari (-0,3%), Eni (-0,1%), Generali (-0,6%), Italgas (-0,1%), Moncler (-0,6%), Saipem (-0,1%), Snam (-0,1%), Stm (-0,6%), Unipol (-0,2%) e Yoox (-0,4%). I rialzi più consistenti sono quelli di Azimut (+0,6%), Bper (+1,5%), Brembo (+1,1%), Cnh Industrial (+1,9%), Exor (+0,7%), Fca (+2,9%), Ferragamo (+2,6%), Ferrari (+1,2%), Poste Italiane (+0,7%), Prysmian (+1,1%), Tenaris (+0,6%), Ubi Banca (+0,6%) e Unicredit (+0,7%). Fuori dal listino principale Fedon sale del 14,2%, mentre Astaldi cede il 4,3%. Il cambio euro/dollaro sale sopra quota 1,21, mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 143 punti base. 

PIAZZA AFFARI CHIUDE LA SETTIMANA DEI RIALZI

La giornata macroeconomica oggi ha inizio alle 8:45 con l'indice dei prezzi al consumo francesi per il mese di dicembre: le attese sono per un incremento dello 0,3%, in linea con il mese precedente. Alle 10:00 la produzione industriale italiana per il mese di novembre: le attese sono per un'espansione dello 0,6%, in lieve miglioramento rispetto alla precedente rilevazione. A livello annuale, questo rappresenterebbe un aumento del 3,3%, in lieve aumento rispetto alle stime. Dagli Stati Uniti, invece, alle 14:30 arriverà l'indice principali prezzi al consumo a dicembre: le attese sono per un aumento dello 0,2%. Sempre alla stessa ora, il dato sulle vendite al dettaglio nel mese di dicembre: è prevista una crescita dello 0,4%, in netta diminuzione rispetto a novembre anche se in quel caso il dato era influenzato dal Black Friday. Infine, alle 16:00, sempre dagli Usa, il livello delle scorte di magazzino delle aziende per il mese di novembre: le attese sono per un incremento dello 0,3%.

Ieri Piazza Affari ha chiuso con un rialzo dello 0,64% a quota 23.305 punti. Si tratta del decimo rialzo consecutivo per la Borsa italiana, un filotto di candele verdi che non si vedeva da parecchio tempo. Ancora una volta, i corsi sono stati sostenuti dalle ottime performance dei titoli bancari: Unicredit è stata la migliore con un balzo dell'1,89%. Molto bene Ubi Banca che ha fatto registrare un rialzo dell'1,26%. In netto rialzo anche Saipem che è salita del 3,65% dopo che Bernstein ha portato il target price a 3,5 euro rispetto ai 3,1 euro precedenti. Molto bene anche Tenaris che è salita del 2,5%. Questi titoli hanno anche beneficiato del prezzo dei petrolio che è ulteriormente salito facendo segnare nuovi massimi di periodo. Molto bene anche Stm che ha guadagnato più di due punti percentuali dopo che Credit Suisse ha alzato il target price a 24,5 euro per azione. Da segnalare anche il forte rally di Cattolica Assicurazioni che ha messo a segno un progresso del 9,64%. Gli analisti ritengono che il titolo rimanga piuttosto interessante per via dell'ingresso di Warren Buffett e inoltre aspettano il piano industriale che verrà presentato a fine gennaio. Lo spread fra Btp e Bund si è ridotto a 146 punti base.

© Riproduzione Riservata.