BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

MONTE DEI PASCHI DI SIENA/ Mps, le parole di Masi sulla chiusura delle filiali (oggi, 20 gennaio)

Monte dei Paschi di Siena news. Mps in Borsa chiude la settimana sotto quota 3,9 euro ad azione. Le parole di Massimo Masi. Ultime notizie live di oggi 20 gennaio 2018

Monte dei Paschi, LapresseMonte dei Paschi, Lapresse

LE PAROLE DI MASI (UILCA) SULLA CHIUSURA DELLE FILIALI

Il piano di ristrutturazione di Montepaschi passa anche dalla chiusura di sportelli e nelle ultime settimane non sono mancate le proteste di diverse comuni che rischiano così di trovarsi senza più una banca sul proprio territorio. Massimo Masi ha fatto sapere che la Uilca non condivide questa “corsa spasmodica degli istituti bancari italiani alla drastica riduzione delle filiali”. “Una cosa è, come sta succedendo nel Veneto, accorpare le filiali da parte di Intesa Sanpaolo dopo l'integrazione di Veneto Banca e Popolare di Vicenza, diverso è quando si chiudono le filiali in paesi dove esistono una o due filiali”, ha dichiarato il Segretario generale della Uilica in una nota. Per il sindacalista, “l’ultima moda è copiare ciò che fanno le banche europee o statunitensi, ma agli a.d. delle banche italiane non deve sfuggire che l'Italia ha caratteristiche diverse rispetto ad altri Paesi. Basterebbe girare per le filiali nei piccoli centri o al sud per capire il ruolo sociale di aggregazione che svolge la banca. Non dobbiamo dimenticare, inoltre, l'enorme massa di contante che circola ancora nel nostro Paese rispetto agli altri e lo scarso utilizzo delle carte di credito”.

Per Masi non bisogna poi trascurare un altro aspetto: “Il sistema bancario italiano è afflitto dalla mancanza di fiducia della clientela verso le banche. Ma la credibilità la si riacquista solo rimanendo strettamente legati al territorio e alla clientela”. “La politica basata soprattutto sulla riduzione dei costi della rete distributiva crea problemi sociali, morali e di sicurezza. Per questo invito tutti ad una approfondita riflessione sulle scelte future nei prossimi Piani Industriali”, è la conclusione del sindacalista.

© Riproduzione Riservata.