BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

BORSA ITALIANA OGGI/ Chiusura a -0,52%, Telecom Italia a -2,39% (12 ottobre 2018)

Borsa italiana news. Piazza Affari oggi cerca di tenere i 19.000 punti dopo il calo di ieri. Previsti pochi dati macroeconomici in diffusione. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

Piazza Affari, LapressePiazza Affari, Lapresse

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in calo dello 0,52% e sul listino principale troviamo in rialzo  Atlantia (+0,66%), Banca Mediolanum (+0,09%), Banco Bpm (+1,67%), Bper (+0,73%), Buzzi (+2,67%), Leonardo (+1%), Mediaset (+0,04%), Pirelli (+3,08%), Saipem (+0,83%), Tenaris (+0,07%), Unipol (+0,03%) e UnipolSai (+0,34%). I ribassi più ampi sono quelli di A2A (-1,15%), Banca Generali (-0,94%), Brembo (-1,01%), Campari (-1,31%), Cnh Industrial (-0,7%), Enel (-1,33%), Exor (-0,89%), Fineco (-1,89%), Generali (-0,77%), Italgas (-0,85%), Moncler (-1,15%), Prysmian (-0,88%), Telecom Italia (-2,39%), Terna (-0,94%) e Ubi Banca (-1,5%). Fuori dal listino principale Giglio Group chiude con un +15,5%, mentre Borgosesia cede l’11,93%. Il cambio euro/dollaro scende a quota 1,155, mentre lo spread tra Btp e Bund sfiora i 308 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:40

La Borsa italiana guadagna lo 0,7% e sul listino principale troviamo in rosso solamente Brembo (-0,1%),Campari (-0,9%), Enel (-0,4%), Ferragamo (-1,6%), Fineco (-0,4%), Generali (-0,5%) e Telecom Italia (-1,6%). I rialzi più significativi sono quelli di Atlantia (+1,2%), Azimut (+1%), Banca Mediolanum (+1,5%), Banco Bpm (+3,1%), Banca Generali (+1,2%), Bper (+2,5%), Buzzi (+3,1%), Eni (+0,6%), Ferrari (+1,1%), Intesa Sanpaolo (+1,9%), Leonardo (+1%), Mediaset (+0,9%), Mediobanca (+0,7%), Moncler (+0,7%), Pirelli (+4,1%), Poste Italiane (+0,6%), Saipem (+2,4%), Snam (+1,1%), Stm (+2,3%), Tenaris (+1,1%), Ubi Banca (+0,9%), Unicredit (+1,2%), Unipol (+1,1%) e UnipolSai (+0,9%). Fuori dal listino principale Carige sale del 13%, mentre Bialetti cede l’8,4%. Il cambio euro/dollaro resta sotto quota 1,16, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova sopra i 302 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:30

La Borsa italiana guadagna lo 0,4% e sul listino principale troviamo in rosso Azimut (-0,7%), Banca Generali (-0,5%), Brembo (-0,3%), Cnh Industrial (-1,2%), Enel (-0,1%), Exor (-0,7%), Fineco (-0,5%), Leonardo (-0,4%), Mediaset (-0,2%), Saipem (-1%) e Telecom Italia (-0,7%). I rialzi più significativi sono quelli di A2A (+0,8%), Banco Bpm (+1,1%), Bper (+0,9%), Buzzi (+1,6%), Campari (+1%), Ferragamo (+0,6%), Intesa Sanpaolo (+1,9%), Pirelli (+2,5%), Poste Italiane (+0,7%), Snam (+1,4%) e Unicredit (+0,6%). Fuori dal listino principale Tiscali sale del 6,9%, mentre Bialetti cede il 5,1%. Il cambio euro/dollaro si trova sotto quota 1,16, mentre lo spread tra Btp e Bund scende a 300 punti base.

PIAZZA AFFARI CERCA DI TENERE I 19.000 PUNTI

La giornata macroeconomica oggi non offre dati particolarmente interessanti nell'Eurozona. Alle 8:00 l'indice dei prezzi al consumo in Germania per il mese di settembre: le attese sono per un aumento dell'inflazione dello 0,4% che a livello annuale significherebbe un aumento del 2,3%. Alle 11:00 il dato sulla produzione industriale per il mese di agosto dell'Eurozona: le attese sono per un aumento dello 0,4% che a livello annuale porta a una flessione dello 0,2%. Alle 16:00 dagli Usa il sentimento d'aspettativa dei consumatori del Michigan per il mese di ottobre: le attese sono per un dato pari a 90 punti, in diminuzione rispetto a settembre, pur trattandosi ancora della prima lettura preliminare.

Ieri Piazza Affari ha fatto registrare un calo dell'1,84% a quota 19.356 punti. Milano è stata la peggiore in Europa, ma anche gli altri listini hanno perso oltre un punto percentuale. Sul fondo del listino si sono classificati i titoli bancari e i petroliferi. Intesa Sanpaolo ha ceduto il 2,47% mentre Unicredit ha perso l'1,8%. Peggio i petroliferi con Tenaris che ha perso oltre quattro punti percentuali mentre Saipem è scivolata del 3,25%. Ha resistito meglio, invece, il settore delle utility con Enel che è stata fra i titoli migliori della sessione pur mostrando un calo dello 0,6%. Lo spread fra Btp e Bund ha fatto registrare un nuovo rialzo, portandosi nuovamente sopra i 300 a 305,2 punti base. In rialzo anche il rendimento del Btp decennale che si è portato al 3,57%.

© Riproduzione Riservata.