BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano news: chiusura a -1,05%, Saipem a -2,41% (14 marzo 2018)

Borsa italiana news. Piazza Affari oggi guarderà alle parole di Daniele Nouy, responsabile della vigilanza bancaria unica. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

Borsa italiana, LapresseBorsa italiana, Lapresse

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in calo dell’1,05% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Banca Generali (+0,15%) e Leonardo (+1,7%). I ribassi più ampi sono quelli di Atlantia (-2,53%), Banco Bpm (-1,44%), Bper (-2,26%), Brembo (-1,32%), Buzzi (-2,58%), Fca (-1,15%), Ferragamo (-1,24%), Ferrari (-1,1%), Generali (-1,1%), Intesa Sanpaolo (-1,5%), Mediaset (-1,91%), Moncler (-1,03%), Pirelli (-1,01%), Poste Italiane (-1,29%), Prysmian (-1,96%), Saipem (-2,41%), Snam (-1,2%), Telecom Italia (-2,2%), Tenaris (-2,31%), Ubi Banca (-2,16%), Unicredit (-1,37%), Unipol (-2,47%) e UnipolSai (-1,02%). Fuori dal listino principale Aeffe chiude con un +6,28%, mentre Biancamano cede il 6,73%. Il cambio euro dollaro resta sopra quota 1,235, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 133 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:45

La Borsa italiana cede lo 0,3% e sul listino principale troviamo in rialzo Banca Generali (+0,1%), Campari (+0,4%), Enel (+0,4%), Eni (+0,2%), Fineco (+0,7%), Italgas (+0,2%), Leonardo (+1,9%), Luxottica (+0,5%), Stm (+0,1%), Terna (+0,1%) e Yoox (+0,1%). I ribassi più ampi sono quelli di Atlantia (-0,9%), Banco Bpm (-0,7%), Bper (-1,1%), Buzzi (-2,1%), Ferragamo (-1,3%), Intesa Sanpaolo (-0,8%), Mediaset (-1,1%), Moncler (-0,6%), Poste Italiane (-0,8%), Prysmian (-1,1%), Saipem (-1,3%), Snam (-0,8%), Telecom Italia (-1,6%), Tenaris (-1,5%), Ubi Banca (-0,8%) e Unipol (-1,6%). Fuori dal listino principale Poligrafica San Faustino sale del 7,5%, mentre Mondadori cede il 5,6%. Il cambio euro dollaro si trova sopra quota 1,235, mentre lo spread tra Btp e Bund sfiora i 134 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:45

La Borsa italiana sale dello 0,2% e sul listino principale troviamo in rosso Atlantia (-0,6%), Buzzi (-1%), Ferragamo (-0,2%), Intesa Sanpaolo (-0,3%), Leonardo (-0,3%), Mediaset (-0,2%), Moncler (-0,2%), Recordati (-0,3%), Saipem (-0,3%), Snam (-0,5%), Tenaris (-1,4%) e Terna (-0,1%). I rialzi più consistenti sono quelli di Banca Generali (+0,9%), Cnh Industrial (+0,8%), Enel (+0,9%), Fineco (+1%), Italgas (+0,6%) e UnipolSai (+0,6%). Fuori dal listino principale Giglio Group sale del 4,9%, mentre Isagro cede il 4,7%. Il cambio euro dollaro scende verso quota 1,235, mentre lo spread tra Btp e Bund si avvicina ai 129 punti base.

PIAZZA AFFARI ATTENDE LE PAROLE DI DRAGHI E NOUY

Giornata macroeconomica che inizia con un intervento del presidente della Bce Mario Draghi. Alle 10:00 poi il dato sulle vendite al dettaglio in Italia per il mese di gennaio: gli operatori si attendono un calo dello 0,1%, in lieve miglioramento comunque rispetto al mese precedente. Evento di particolare rilevanza, non fissato a un orario preciso, sarà l'intervento di Daniele Nouy, responsabile della vigilanza bancaria unica europea. Alle 13:30 dagli Stati Uniti, invece, l'indice dei prezzi alla produzione per il mese di febbraio: le attese sono per un incremento dello 0,2%, in netta diminuzione rispetto a gennaio. Infine, alle 15:30 le scorte settimanali Usa.

Ieri Piazza Affari ha chiuso in ribasso dello 0,32%, a 22.690 punti, non riuscendo a bucare la resistenza dei 22.800 punti. Contrastati i titoli bancari con Bper che ha fatto registrare un rialzo di quasi due punti percentuali mentre Intesa Sanpaolo ha ceduto lo 0,28%. Male anche Unicredit che ha lasciato sul terreno lo 0,41%. In netto rialzo, invece, il settore delle utilities per la seconda seduta consecutiva: la regina è stata ItalGas che ha messo a segno un progresso del 2,25%. Male Telecom Italia che ha perso il 2,37% e Mediaset, che addirittura ha fatto registrare un passivo di oltre quattro punti percentuali. Lo spread fra Btp e Bund è rimasto invariato a 128 punti base, con il rendimento del Btp decennale che è rimasto invariato all'1,9%.

© Riproduzione Riservata.