BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano news: chiusura a +0,06%, Tenaris a +3,65% (9 marzo 2018)

Borsa italiana news. A Piazza Affari oggi occhi puntati su Mediaset e Telecom Italia con le voci di una possibile fusione. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

Borsa italiana, LapresseBorsa italiana, Lapresse

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in rialzo dello 0,06% e sul listino principale troviamo in rialzo Atlantia (+2,96 %), Buzzi (+1,5%), Buzzi (+0,71%), Cnh Industrial (+1,32%), Eni (+0,07%), Exor (+1,64%), Ferrari (+1,2%), Fineco (+1,43%), Leonardo (+2,27%), Luxottica (+0,93%), Mediobanca (+0,43%), Moncler (+0,38%), Prysmian (+1,02%), Recordati (+0,97%), Stm (+0,58%), Telecom Italia (+1,09%) e Tenaris (+3,65%). I ribassi più ampi sono quelli di A2A (-0,91%), Banco Bpm (-2,42%), Bper (-2,16%), Ferragamo (-1,61%), Italgas (-1,66%), Mediaset (-1,8%), Pirelli (-0,63%), Snam (-1,43%), Terna (-0,78%), Ubi Banca (-2,6%), Unicredit (-1,28%), Unipol (-0,91%) e UnipolSai (-0,84%). Fuori dal listino principale Agatos chiude con un +7,46%, mentre OpenJobMetis cede il 6,54%. Il cambio euro/dollaro si trova sopra quota 1,23, mentre lo spread tra Btp e Bund sale sopra i 126 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:50

La Borsa italiana cede lo 0,1% e sul listino principale troviamo in rialzo Atlantia (+3%), Buzzi (+1,5%), Cnh Industrial (+1,1%), Exor (+0,9%), Ferrari (+1%), Fineco (+0,2%), Leonardo (+2,6%), Luxottica (+0,7%), Mediobanca (+0,2%), Moncler (+0,1%), Prysmian (+0,4%), Recordati (+0,5%), Saipem (+0,2%), Stm (+0,4%), Telecom Italia (+0,2%) e Tenaris (+3,1%). Yoox e Campari, invece, si trovano in parità. I ribassi più ampi sono quelli di A2A (-0,9%), Banco Bpm (-2,7%), Bper (-2,9%), Enel (-0,6%), Ferragamo (-1,8%), Italgas (-1,1%), Mediaset (-1,6%), Pirelli (-0,8%), Poste Italiane (-1,4%), Snam (-1,2%), Terna (-1%), Ubi Banca (-2,5%), Unicredit (-1,2%), Unipol (-0,7%) e UnipolSai (-0,6%). Fuori dal listino principale Agatos sale del 6,7%, mentre Esprinet cede il 6,2%. Il cambio euro/dollaro scende a quota 1,23, mentre lo spread tra Btp e Bund si trova sotto i 126 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:45

La Borsa italiana cede lo 0,3% e sul listino principale troviamo in rialzo Atlantia (+2,3%), Cnh Industrial (+0,5%), Exor (+0,4%),  Ferrari (+0,1%), Fineco (+0,4%), Leonardo (+2,4%), Luxottica (+0,2%), Mediobanca (+0,4%), Prysmian (+0,1%), Tenaris (+0,6%) e Yoox (+0,1%). I ribassi più ampi sono quelli di Banco Bpm (-1,4%), Bper (-1,6%), Fca (-0,9%), Ferragamo (-2,5%), Italgas (-0,7%), Mediaset (-2%), Moncler (-0,7%), Pirelli (-1,1%), Poste Italiane (-0,8%), Recordati (-0,6%), Saipem (-1%), Snam (-0,8%), Telecom Italia (-0,6%), Terna (-0,7%), Ubi Banca (-1,7%), Unicredit (-1,1%) e Unipol (-0,7%). Fuori dal listino principale Creval sale del 6,2%, mentre Innovatec cede il 4,5%. Il cambio euro/dollaro scende verso quota 1,23, mentre lo spread tra Btp e Bund si attesta a 126 punti base.

A PIAZZA AFFARI OCCHI PUNTATI SU MEDIASET E TIM

La giornata di oggi da un punto di vista macroeconomico presenta pochi. Sono attesi nella mattinata quelli sulla produzione industriale e il saldo della bilancia commerciale in Germania, con il primo atteso positivo rispetto al dato precedente e il secondo poco inferiore, quasi invariato. Anche in Gran Bretagna si attendono i dati sulla produzione industriale e il saldo della bilancia commerciale, ma anche i risultati della produzione manifatturiera. Mentre per la produzione industriale si attende un balzo in avanti dal -1,3% al +1,5%, dovrebbero essere invece negativi gli altri due dati. Nel pomeriggio saranno gli Stati Uniti a farla da padrone con il dato sul salario orario medio, le buste paga del settore non agricolo e il tasso di disoccupazione, che dovrebbero essere tutti sostanzialmente invariati o poco mossi rispetto al riferimento precedente.

Ieri Piazza Affari ha fatto registrare un progresso dell'1,15% chiudendo a 22.731,10 punti, non distante dal massimo di giornata toccato a 22.791,79 punti (minimo 22.417,47). Tutte le principali borse europee hanno chiuso con segni positivi, Francoforte +0,9%, Parigi +1,28 si distingue come la migliore e Londra +0,63%. Decisamente sotto i riflettori Mediaset (meglio del titolo ha fatto solo in tutto il listino milanese Mondo TV France) con un balzo del 9,23% a 3,338 euro. Duplice la motivazione, da un lato le ultime dichiarazione provenienti da Vivendi che confermerebbero la bontà di un accordo su Premium, dall'altro è speculazione sulla possibile fusione con Tim e più in generale sulla convergenza tra telecomunicazioni e media, soprattutto dopo l'entrata di Elliott in Telecom con l'intenzione di acquisire ancora quote che porterebbero il totale anche oltre il 10%. Proprio per questo ha brillato anche Telecom Italia con un +4,63% a 0,823 euro. Bene anche Atlantia (+5,05% a 27,05 euro) che molto probabilmente eviterà un'asta al rialzo per Abertis dopo i contatti con Acs che porterebbero a un'offerta congiunta. Bene tutto il comparto bancario con rialzi che vanno dall'1,95% di Banco Bpm allo 0,24% di Unicredit, passando per Ubi Banca (+1,64%), Bper (+1,36%), Intesa Sanpaolo (+0,56%) e Mediobanca (+0,41%). Poste Italiane ha beneficiato del giudizio positivo di Equita con target price fissato a 8,1 euro, dopo che il management ha ulteriormente confermato la visione positiva per il piano 2018-22 e ha chiuso a 7,334 euro con un progresso del 2,54%. È sceso il differenziale tra Btp decennali italiani e Bund tedeschi a 126 punti base.

© Riproduzione Riservata.