BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

BORSA ITALIANA OGGI/ Milano news: chiusura a -2,51%, Unicredit a -4,73% (10 agosto 2018)

Borsa italiana news. Piazza Affari oggi cerca il rimbalzo dopo i recenti cali. Non mancano dati macroeconomici in agenda. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

Borsa oggi, LapresseBorsa oggi, Lapresse

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in calo del 2,51% e sul listino principale non troviamo titoli in rialzo. Le chiusure migliori sono quelle di Ferragamo (-0,15%), Fineco (-0,67%), Pirelli (-0,81%), Saipem (-0,89%), Tenaris (-0,79%) e Unipol (-0,24%), che hanno limitato i danni. I ribassi più ampi sono quelli di Atlantia (-2,18%), Azimut (-2,38%), Brembo (-2,9%), Enel (-2,06%), Eni (-2,62%), Exor (-2,08%), Ferrari (-2,31%), Generali (-2,07%), Intesa Sanpaolo (-3,65%), Leonardo (-2,96%), Moncler (-2,11%), Recordati (-2,28%), Stm (-5,06%), Telecom Italia (-2,13%), Ubi Banca (-3,08%) e Unicredit (-4,73%). Fuori dal listino principale Imvest chiude con un +11,74%, mentre Giglio Group cede il 7,81%. Il cambio euro/dollaro scende verso quota 1,14, mentre lo spread tra Btp e Bund raggiunge i 268 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:40

La Borsa italiana cede il 2,7% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Unipol (+1,1%). I ribassi più ampi sono quelli di Azimut (-3%), Banco Bpm (-3,8%), Bper (-2,9%), Enel (-2,1%), Eni (-2,1%), Fca (-2,4%), Ferrari (-2,5%), Generali (-2,6%), Intesa Sanpaolo (-4,4%), Leonardo (-3%), Mediaset (-2,2%), Mediobanca (-2,3%), Poste Italiane (-2,1%), Prysmian (-2,3%), Recordati (-2,1%), Stm (-4,8%), Telecom Italia (-2,9%), Ubi Banca (-4,5%) e Unicredit (-5,7%). Fuori dal listino principale Gequity sale del 4,6%, mentre Credem cede il 5,2%. Il cambio euro/dollaro scende sotto quota 1,145, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 262 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 10:45

La Borsa italiana cede l’1,4% e sul listino principale troviamo in rialzo solamente Atlantia (+0,2%), Unipol (+1,6%) e UnipolSai (+2,4%). I ribassi più ampi sono quelli di Azimut (-1,2%), Banco Bpm (-1,6%), Banca Generali (-1,1%), Brembo (-1,4%), Eni (-1,2%), Fca (-1,5%), Ferrari (-1,3%), Generali (-1,1%), Intesa Sanpaolo (-1,9%), Leonardo (-2,1%), Mediobanca (-1,2%), Moncler (-1,4%), Pirelli (-1,6%), Stm (-4,1%), Tenaris (-1,2%) e Unicredit (-3,1%). Fuori dal listino principale Ceramiche Ricchetti sale dell’8,5%, mentre Banca Intermobiliare cede il 3,6%. Il cambio euro/dollaro scende a quota 1,145, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 258 punti base.

PIAZZA AFFARI CERCA IL RIMBALZO

Giornata macroeconomica con qualche dato in più rispetto alle precedenti quella di oggi. Alle 8:45 la produzione industriale francese per il mese di giugno: le attese sono per un dato del +0,5%, in miglioramento rispetto a Maggio. Alle 10:30 il Pil inglese per il secondo trimestre dell'anno, prima stima preliminare, le attese sono per un incremento dello 0,4% che a livello annuale significherebbe una revisione al rialzo all'1,3%. Sempre alla stessa ora anche la produzione industriale per il mese di giugno che è vista in crescita dello 0,4%. Sempre alle 10:30  la produzione manifatturiera per il mese di giugno: è previsto un aumento dello 0,3%, in diminuzione rispetto a maggio. Alle 11:45 un'asta di Bot italiani con scadenza a dodici mesi: in precedenza i rendimenti erano stati pari allo 0,33%, ma non è da escludere con le recenti tensioni sullo spread che i tassi possano essere maggiori del previsto. Alle 14:30 dal Canada il tasso di disoccupazione per il mese di luglio che è visto in discesa al 5,9%. Infine sempre alla stessa ora dagli Stati Uniti il dato relativo all'inflazione: questa è vista crescere a luglio dello 0,2% che a livello annuale significa un incremento di quasi tre punti percentuali.

Ieri Piazza Affari ha chiuso con un ribasso dello 0,72% a quota 21.634 punti. Male il comparto bancario con Unicredit che ha fatto registrare un ribasso di circa due punti percentuali. Giù anche Poste Italiane che ha ceduto l'1,69%. Ottima giornata, invece, per i titoli petroliferi nonostante il recente calo del petrolio. Saipem è stata addirittura la migliore del listino con un progresso del 2,5%. Lo spread fra Btp e Bund ha fatto registrare un nuovo rialzo portandosi a 251,5 punti base. Su anche il rendimento del Btp decennale che è pari ora al 2,89%.

© Riproduzione Riservata.