BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

UNICREDIT-SOCGEN/ L'affondo francese prima del blocco di Lega e M5s

Le trattative su una fusione tra Société Générale (SocGen) e Unicredit sarebbero ancora molto attuali. Per la Francia del resto questa è una ghiotta occasione. PAOLO ANNONI

LapresseLapresse

Secondo Milano Finanza, le trattative su una fusione tra Société Générale (SocGen) e Unicredit sarebbero ancora molto attuali al punto che la banca italiana si sarebbe già affidata a un senior advisor di Rotschild, oltre che ex presidente di SocGen (Daniel Bouton), mentre quella francese invece avrebbe scelto come advisor Jp Morgan. La notizia è stata sepolta sotto tre metri di "spread" e un altro paio di banche centrali a Jackson Hole, ma in realtà meriterebbe ben altra attenzione. Se siamo già alla scelta degli advisor significa che l'ipotesi di fusione è in realtà qualcosa di molto più concreto.

Una fusione di questo tipo sarebbe ovviamente un'operazione di sistema ai massimi livelli; Unicredit è l'unica banca italiana considerata sistemica a livello europeo e SocGen una delle quattro francesi. Le banche sono una parte centrale del sistema Paese e di qualsiasi sua sovranità sostanziale; chi decide come erogare il credito o se comprare bond statali o meno è per definizione un pezzo centrale del sistema Paese.

Di questa fusione si parla, a scadenze, da un decennio e l'ipotesi è stata rilanciata a inizio giugno anche dal Financial Times. Sull'asse Francia/Italia le operazioni di sistema negli ultimi dieci anni si sono sprecate. Unicredit, così come la principale assicurazione italiana Generali, hanno due amministratori delegati francesi e Unicredit ha "appena" venduto il risparmio gestito, Pioneer, alla francese Amundi in un deal che senza l'approvazione dei due sistemi Paese non sarebbe stato possibile.

La Francia ha un interesse strategico in Italia perché negli ultimi due decenni ha comprato talmente tante società da diventare il Paese europeo che avrebbe più da perdere in caso di crollo economico-finanziario italiano. La dimensione delle acquisizioni e dell'intervento francese in Italia è stato così grande in termini dimensionali e così sbilanciato da determinare una situazione che avrebbe eguali sono nei casi di ex-colonie. L'Italia ha scelto di farsi comprare convinta che legandosi alla Francia avrebbe maggiore riparo in sede europea; oggi la Francia non può augurarsi un fallimento dell'Italia: telecomunicazioni, media, banche, assicurazioni, energia, industria, lusso, alimentare… non c'è un settore in cui non faccia capolino una società francese con ruoli di rilievo. Comprare o fondersi con la principale banca italiana non può essere un caso, soprattutto in una fase così delicata per l'economia italiana. Bisogna quindi chiedersi perché incrementare l'esposizione in Italia e perché oggi. Avanziamo alcuni possibili spunti.

L'Italia ha ancora una ricchezza che ha pochissimi eguali, ma davvero pochi, tra i Paesi del primo mondo e cioè il risparmio. Gli italiani hanno, per esempio, uno dei tassi di proprietà della prima casa più alti in Europa occidentale. Solo uno dei moltissimi indicatori che testimoniano la ricchezza finanziaria, i risparmi, delle famiglie italiane. Questo è un possibile spunto che si aggiunge al fatto che potrebbe essere meglio mettere i propri soldi in una banca più tutelata, in virtù di un sistema Paese più forte in sede europea, rispetto a quelle italiane.

Il secondo spunto è che comprando o mettendo le mani su una banca di queste dimensioni, ovviamente comanderebbe la Francia, si acquisirebbe una leva di controllo/indirizzo sul Governo italiano notevole. Pensiamo solo al ruolo delle banche italiane nella stabilizzazione dello spread. Si potrebbe pensare che in questo modo, in un certo senso raddoppiando l'esposizione, si arrivi a una situazione tale di sovranità sostanziale sull'Italia da poterne determinare le politiche sia in un vero e proprio senso coloniale, sia come assicurazione sui suoi fremiti "populisti". Non che in Francia siano messi molto meglio.

Il terzo spunto è come mai proprio nell'estate 2018 e dopo la vittoria dei "populisti" alle elezioni riparta questa trattativa. Oltre alle ragioni di cui al punto due ci potrebbe essere una valutazione "politica". In molti ritengono che la leadership francese di Unicredit, e anche Generali, possa essere messa in crisi da un Governo "sovranista" che potrebbe volere leadership "più italiane". Su questa nozione negativa di "sovranismo" in campo economico c'è quasi da ridere perché a parti invertite avrebbero schierato l'esercito pur di evitare quello che si è visto in Italia. Qualunque Governo senza una mentalità da colonia, dagli Stati Uniti alla Germania passando per l'Inghilterra, è sovranista in alcuni campi e la finanza è sicuramente uno di questi.

In ogni caso questo, soprattutto con l'Italia sotto attacco dei mercati, potrebbe essere il momento per affondare un colpo che probabilmente diventerebbe più complicato dopo le elezioni europee con il probabile successo dei partiti che oggi governano e che muoverebbero mari e monti pur di evitare la francesizzazione finale del sistema finanziario italiano. Oggi all'orizzonte, con il contributo determinante di un'opposizione inesistente e a tratti lunare, si intravede alle europee il successo dei "populisti". Non è affatto un augurio, solo un'analisi. Quindi si deve sfruttare una finestra che rischia di chiudersi.

Ultimo corollario: chiunque dipinga l'operazione come una fusione alla pari sbaglia o mente perché altrimenti i francesi non la farebbero mai. Chiunque dica che è un'operazione di mercato sbaglia o mente perché due banche sistemiche neanche iniziano a parlare senza l'appoggio esplicito di almeno uno dei due sistemi Paese.

© Riproduzione Riservata.