BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Gli errori del referendum

Pubblicazione:

La sede della Corte Costituzionale (Infophoto)  La sede della Corte Costituzionale (Infophoto)

Presa la decisione circa l’inammissibilità delle richieste referendarie volte a modificare l’attuale sistema elettorale, subito si sono alzate voce polemiche a proposito della scelta della Corte Costituzionale, la quale sarebbe stata influenzata dal contesto politico, avverso nella maggior parte delle sue componenti a una consultazione popolare. In attesa di leggere le motivazioni della sentenza, alcune considerazioni possono e devono essere comunque compiute, anche per neutralizzare - se possibile - prese di posizioni quanto meno azzardate.

La prima: certamente le sentenze sull’ammissibilità dei referendum hanno una contiguità con la politica, visto che si tratta di consentire o negare il ricorso al popolo di concezioni che si trovano costrette a ricorrere agli strumenti di democrazia diretta non avendo trovato un sufficiente ascolto nelle istituzioni della democrazia rappresentativa e, soprattutto, in Parlamento. Ammettere o no il ricorso alla consultazione popolare referendaria, l’istituito più vicino alle elezioni, non può non avere un forte impatto sulla politica nazionale nel suo complesso.

La seconda: una legge elettorale non è una legge qualunque; essa è parte integrante dell’impianto ordinamentale che determina la forma di governo, insieme alle norme costituzionali vere e proprie, alle norme dei regolamenti parlamentari e al sistema dei partiti. Toccare la legge elettorale, sia in Parlamento, sia tramite referendum abrogativo, è un modo per incidere non solo sulla legge in quanto tale, bensì sull’impianto generale che determina la forma di governo; si tratta dunque di una scelta forte, una scelta di sistema ed è rispetto al sistema che va valutata l’opportunità di manipolarla, soprattutto se questa manipolazione viene compiuta tramite referendum.

In questo senso occorre ricordare che, nella storia del nostro Paese, i referendum elettorali (persino il referendum sulla preferenza unica, apparentemente un dettaglio rispetto al sistema nel suo complesso) sono stati momenti politici decisivi - capaci persino di determinare il passaggio dalla Prima alla Seconda Repubblica. Inoltre, la stessa legge elettorale, pur essendo una legge ordinaria, ha un forte impatto costituzionale, visto che un Paese non può farne a meno, pena il venir meno del principio democratico; la legge elettorale non si può dunque, tecnicamente, abrogare: occorre invece incidere su di essa in modo da lasciarla sopravvivere nelle sue parti essenziali, per consentire poi al Parlamento di riformularla secondo le indicazioni valoriali emerse dalla consultazione popolare.



  PAG. SUCC. >