BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Stato di burocrazia

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Il peggio della burocrazia ministeriale si mette al sicuro dal… rischio di una vera riforma della macchina centrale dello Stato, responsabile della massima parte della spesa pubblica improduttiva, andando all’attacco delle Province e dei piccoli Comuni, le cui eventuali spese improduttive sono comunque bruscolini rispetto a quelle del proverbiale Palazzo romano. Roma, insomma, tenta ancora una volta di scaricare su altri la riforma che dovrebbe innanzitutto fare su di sé.

È questo in sostanza il senso della cavalcata contro le autonomie locali avviata lo scorso 20 luglio dal governo Monti - sempre più succube di tale Palazzo - nel quadro di un decreto legge cui martedì scorso i senatori hanno detto “sì”, ma con modifiche. Nello stesso infelice spirito il governo sta penalizzando le autonomie sociali, tra cui in primis le scuole non statali.

Non c’è dubbio che il sistema delle province sia da rivedere, ma ciò non toglie che in linea generale tra il Comune e la Regione (salvo il caso delle Regioni più piccole) un ambito di governo intermedio di area vasta è necessario. Al riguardo una riforma è dunque opportuna, ma per farla seriamente si devono evitare iniziative estemporanee; e in primo luogo non dare per scontato il modello, sostanzialmente prefettizio, delle province istituite alla sua nascita nello Stato italiano sul modello dei dipartimenti francesi.

Occorrono studi adeguati e un vasto e approfondito dibattito politico-culturale alla scala nazionale. La prima scelta seria sarebbe quella di partire dalla storia, e quindi tra l’altro dall’organizzazione interna degli Stati pre-unitari, che spesso rifletteva identità ed esperienze di governo italiane ben più antiche e ben più radicate di quella versione provinciale dello Stato francese che era il Regno Sardo. E non pretendere di imporre a priori criteri tanto astratti quanto rudimentali nella loro incompletezza come la superficie non inferiore a 3500 chilometri quadri e la popolazione non inferiore ai 350 mila abitanti. E la natura del territorio di Belluno o di Sondrio, e il peso dell’economia di Varese, e il patrimonio monumentale e la fama planetaria di Siena o di Mantova?

Occorre insomma un serio lavoro preparatorio solo al termine del quale avrebbe senso porre mano - dopo una conseguente riforma costituzionale - a leggi e decreti. A nostro avviso la cosa più ragionevole sarebbe quella di giungere infine ad ambiti di area vasta di diverso tipo secondo le diverse situazioni: città metropolitane, città non incluse in altre circoscrizioni, città con territorio, circoscrizioni (circoli, circondari) di piccoli e medi comuni non urbani, comunità di valle, arcipelaghi e così via. Qualcosa di simile a ciò che non a caso accade in Germania, Stato coetaneo di quello italiano e giunto anch’esso alle attuali dimensioni “nazionali” dopo secoli di (positive) esperienze politiche di altra matrice.



  PAG. SUCC. >