BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Il nuovo sogno cubano

Pubblicazione:

Fidel Castro con Nelson Mandela (LaPresse)  Fidel Castro con Nelson Mandela (LaPresse)

"Cuba libre" — è l'insegna di un bar all'angolo della via in cui ha sede a Mosca il nostro centro, la Biblioteca dello Spirito; e non più tardi di ieri Literaturnaja gazeta ha dedicato una poesia di sapore carducciano al "comandante Fidel", invocandolo nei punti caldi di oggi, dal Donbass a Damasco e Aleppo ("che preci mai tutelavano / quel folle da colpi mortali? E chi gridava inshallah, sentiva in risposta no pasaran!"). 

Con la morte di Fidel Castro per la Russia si chiude un'intera epoca di miti mai sopiti, neppure all'epoca del crollo dei muri e delle illusioni: per generazioni di sovietici ed ex sovietici continua a restare una leggenda il comandante che portò la rivoluzione alle porte dell'America – una leggenda che dai versi di Evtušenko giunge fino alla canzone "Cuba, amore mio!". Ma da ormai quasi un anno Cuba è riapparsa all'orizzonte dei russi in tutt'altro contesto: come il luogo dell'incontro epocale del 12 febbraio scorso tra il patriarca Kirill e papa Francesco.

Forse anche per questo, leggendo la notizia della morte di Fidel Castro la prima immagine che mi ha attraversato la mente è stata quella che papa Francesco ha definito "icona" di quanto abbiamo celebrato nell'anno santo, la "misericordia e la misera", l'incontro tra Cristo e l'adultera.

Non si tratta certo di fare illazioni sui sentimenti personali di fede dell'ultimo leader comunista del XX secolo (anche se i suoi lunghi discorsi sul divino e l'umano lo rendevano un caso anomalo fra tanti politici pragmatici e burocrati ideologici): in questi giorni qualcuno l'ha definito, probabilmente a ragione, "un nazionalista redentore, che si è appropriato di categorie proprie della religione apprese in gioventù e in nome della liberazione nazionale si è sottomesso al peggior imperialismo".

Eppure, con tutto questo, è difficile negare il provvidenziale ruolo storico che gli è stato affidato e la parabola compiutasi nel "Líder Máximo", che da una delle bandiere delle ideologie del XX secolo si è trasformato in uno dei simboli di un gesto di amicizia in Cristo lungamente atteso e sognato.

Recentemente il cardinale Jaime Lucas Ortega, arcivescovo emerito dell'Avana, ha ricordato una frase pronunciata da Benedetto XVI dopo la sua visita a Cuba: "La Chiesa deve essere per il dialogo. La Chiesa non è al mondo per cambiare i governi, ma per penetrare con il Vangelo il cuore degli uomini. Questa dovrebbe essere sempre la via della Chiesa". Benedetto era consapevole di aver potuto visitare Cuba, come prima di lui Giovanni Paolo II, proprio perché la Chiesa locale — sottolinea Ortega — aveva mantenuto una posizione dialogica. Sempre il cardinale Ortega riferisce di aver citato pochi mesi dopo, durante il conclave, queste parole di Ratzinger a Bergoglio, che rispose: "Questa frase di Papa Benedetto sarebbe da mettere su uno striscione all'ingresso di ogni città del mondo". 



  PAG. SUCC. >