BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Non sfruttamento ma nuovo lavoro

Pubblicazione:

Immagine dal web  Immagine dal web

Non c'è stata solo la globalizzazione e la finanziarizzazione che hanno sconvolto il mercato del lavoro, creando tra l'altro dumping sociale, fiscale, sindacale, salariale (in una parola: guerra tra poveri). Con il fatto che sia venuta a mancare la centralità della fabbrica, ormai dispersa da centrali multinazionali che spesso sembrano “piattaforme spaziali”, è venuta a mancare la solidarietà naturale tra lavoratori, non più affiancati nell'ambiente lavorativo.

Ci sono molti esempi che mostrano come il mercato del lavoro stia cambiando radicalmente.

Pensiamo a tutto il tema della cosiddetta Gig economy (economia dei "lavoretti"), venuta alla ribalta in Italia con il caso dei giovani fattorini di Foodora che hanno scioperato per denunciare la loro situazione di cottimisti sottopagati e senza tutele. A livello internazionale c'è chi propone per questa categoria una forma intermedia, quella di “indipendent worker”: una via di mezzo tra dipendente e lavoratore subordinato. La proposta si basa sulla concessione di un numero di benefit e tutele dei dipendenti, incluso il diritto di associazione, ma senza protezione di compenso orario come una paga base o straordinari.

A proposito di sfruttamento, non è certo la new economy sotto accusa più della old. Basti pensare ai giovani praticanti avvocati che lavorano sottopagati e senza orario e in alcune parti d'Italia addirittura gratis. O al meccanismo dello stage che giustamente è il primo livello di rapporto di lavoro, ma che in molti casi viene pagato pochissimo e diventa un semplice pretesto per avere mano d'opera a costi infimi. Oppure pensiamo al mascherare dietro a flessibilità nuove forme di precariato per avere continuamente persone nuove a cui non dare prospettiva, ancora una volta pagandole il meno possibile. A fronte di professionisti e imprenditori responsabili c'è chi si comporta come un nuovo padrone delle ferriere, utilizzando la situazione di crisi e la domanda di lavoro come occasione per abbattere i costi e fare guadagni oltre ciò che è necessario.

Nel panorama italiano si aggiungono altri fenomeni in continua evoluzione e che evidenziano luci e ombre: andiamo dall'esplosione dei voucher (parliamo di milioni), al biennio 2015/16 per la somministrazione di lavoro (destinato a diventare un triennio), alla costante timidezza del contratto di apprendistato.

Di fronte a svolte epocali di simile portata, che cosa aspetta i lavoratori? Quali diritti dovranno rivendicare e quali battaglie potranno affrontare? La battaglia principale rimane quella della sicurezza del lavoro, che va garantita anche con interventi di politiche sociali e pubbliche.

Inoltre, fatto salvo il principio della contrattazione, che permette di assumere una reciproca corresponsabilità e può essere funzionale a governare il cambiamento in atto, le nuove prospettive di tutela che si stanno delineando sono principalmente tre. 



  PAG. SUCC. >