BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Israel: gli italiani stanno apprezzando le novità introdotte dalla Gelmini

Pubblicazione:

gelmini_lavagnaR375_25set08.jpg

Siamo alla vigilia di due appuntamenti importanti per il mondo della scuola: lunedì approda in aula alla Camera il decreto Gelmini, dopo l’approvazione in Commissione Cultura; contemporaneamente è previsto l’avvio ufficiale, questo fine settimana, delle proteste di piazza organizzate da opposizione e sindacati. “Scuola day”: questo il titolo che il Pd ha dato a queste manifestazioni, a dimostrare l’intenzione di difendere la scuola dai presunti attacchi del governo. Ma la gente comune, gli studenti e le famiglie, sono veramente sul piede di guerra contro le proposte del ministro Gelmini? Giorgio Israel, docente di Matematica alla Sapienza di Roma e direttamente impegnato sul tema scuola (partecipa a un tavolo di lavoro del Ministero per ridefinire i profili di formazione degli insegnanti), è convinto del contrario: gli italiani stanno apprezzando il lavoro della Gelmini, come dimostrano i sondaggi che effettivamente parlano di un ampio consenso sui provvedimenti più noti in campo scolastico. Le proteste dunque non sono altro che «strumentalizzazioni politiche».

 

Professor Israel, in questi primi mesi di attività il ministro Gelmini ha apportato una serie di piccole innovazioni, che permettono già di avere un’idea del suo operato: qual è in sintesi il suo giudizio su questi provvedimenti?

 

Il fatto di porsi l’obiettivo di riportare un minimo di disciplina nella scuola è secondo me una questione essenziale: il voto in condotta è un segnale molto preciso in questa direzione. Anche la scelta di riportare i voti in pagella è molto importante, perché chiarifica una serie di confusioni fatte negli ultimi vent’anni sulla valutazione. Il voto in numeri è certo anch’esso una stima approssimativa che ha componenti soggettive, come è inevitabile, però rappresenta in modo chiaro e non fumoso la valutazione. Viceversa i giudizi erano confusi, pieni di una terminologia a volte insopportabilmente vacua. Ora torniamo a qualcosa di definito e chiaro, che poi è l’unico sistema di valutazione seria.

 

In questo, come su altri aspetti, le voci critiche parlano di un ritorno al passato.

 

A chi dice così consiglierei di guardare quello che accade in Inghilterra, dove ci sono i centri Ofsted (Office for Standard of Education) che si occupano della valutazione delle scuole, e per fare questo adottano un sistema di valutazione numerico semplice. Questo è quello che accade fuori d’Italia: non siamo dunque in presenza di un ritorno all’antico, semmai di un ritorno alla ragionevolezza. Non possiamo certo dire che in Inghilterra siano arretrati: valutano con rapporti verbali seguiti da dati numerici, proprio come i voti. Questa è la giusta alternativa a tutte le complicate griglie di valutazione dei docimologi, con terminologia che vuole essere raffinata e invece è solo fumosa

 

Veniamo al punto dolente, su cui sembrano scatenarsi le proteste più agguerrite: il maestro unico. È una novità così terribile?

 

Questo è in effetti uno dei temi più controversi, ma è certamente il punto fondamentale. Premetto che non mi sembra assolutamente che sia solo una questione di economia. È fuor di dubbio che la scuola italiana spenda moltissimo, avendo un numero di insegnanti e bidelli spropositato, con un rapporto docenti-studenti molto alto a fronte di risultati modesti. Ma il motivo della scelta del maestro unico non è solo economico. E per capire meglio il problema bisogna precisare che quello che si occulta in questi giorni di propaganda è che la crisi della scuola non è ristretta a medie e superiori, ma riguarda anche le scuole elementari.

 

Ma come? Dicono tutti che la nostra scuola elementare è l’unica del nostro sistema a brillare nei confronti internazionali…

 

Se si va a guardare bene, nel caso della scuola primaria i confronti internazionali si basa su una serie di valutazioni fatte con parametri quantitativi, in particolare sull’impiego di risorse; e noi sappiamo bene che lo Stato italiano spende molto e impiega quantità enormi di personali. Ma poi dobbiamo fare un passo in più: se facciamo un’analisi seria, vediamo che la riforma delle elementari è entrata in vigore nel ’90, e le persone più anziane uscite con questa riforma hanno ora circa vent’anni: quello che stiamo constatando è che sono proprio questi a manifestare un crollo delle capacità linguistiche e matematiche. Si potrà dire che è colpa delle medie inferiori, ma sicuramente è un problema che riguarda anche le elementari. Lo si vede bene nei programmi, che sono stati cambiati in toto e sono disastrosi, perché vuoti di contenuto e fatti solo di teoria pedagogistica.

 

Questo giustifica il ritorno al maestro unico?

 

Proviamo a guardare la questione dalla prospettiva opposta: il passaggio ai tre maestri era basato sull’idea balzana di introdurre differenze disciplinari in una fase della crescita in cui i bambini non ne hanno bisogno. In prima e seconda elementare le esigenze sono altre. Innanzitutto, è bene che ci sia un punto di riferimento educativo, come dice giustamente la Gelmini; poi stiamo parlando di classi in cui si impara, sostanzialmente, a leggere, scrivere e far di conto. Questa è dunque la fase in cui il bambino viene introdotto al mondo simbolico, sia che si tratti della scrittura, sia che si parli di simboli numerici. È un’unica questione, ed è bene che questa fase sia gestita da una sola persona che abbia chiara l’idea di una connessione tra questi aspetti.

 

Questo cambiamento nell’impostazione dell’insegnamento elementare dovrà incidere anche sulla formazione dei maestri?

 

La riforma della preparazione dei maestri si è rivelata un disastro: oggi il maestro dei cosiddetti “moduli”, proprio quello che dovrebbe essere più specializzato, è invece formato con quote di preparazione disciplinare infime. Ci sono moltissimi casi in cui un aspirante maestro si può diplomare avendo seguito un corso di 30 ore di matematica in quattro anni. Storia antica poi non è nei programmi: quindi può diventare maestro chi non sappia nemmeno chi era Giulio Cesare. Non è dunque assolutamente vero che i maestri differenziati hanno maturato maggiori competenze disciplinari: quelli veramente competenti, al contrario, sono quelli di un tempo. I migliori sono ancora quelli che hanno 50 anni o di più; i più giovani dimostrano carenze come quelle dei loro allievi.

 

Intorno a tutte queste novità si è creato un pesante clima di protesta sociale, con chiari risvolti politici: come giudica questo clima?

 

In realtà non sono per nulla preoccupato di come reagiscono le famiglie e la società in generale. I sondaggi, su questioni come voto in condotta o voti in pagella, parlano di consensi quasi bulgari; ma anche sul maestro unico la netta maggioranza della gente è a favore. La società in generale è d’accordo con quanto sta facendo il governo, mentre le contestazioni di cui sentiamo parlare sono limitate a un numero ristretto di scuole. Il vero punto è la strumentalizzazione politica di questa protesta. E poi ha grandi responsabilità anche il mondo dell’informazione, che fa da grancassa a questo tipo di manifestazioni.

 

Cosa risponde a chi dice che il centrodestra ha il difetto principale di guardare alla scuola solo come ad un costo?

 

I fatti non dicono questo. Le decisioni prese incidono su temi scottanti, perché il fatto di avere deciso – peraltro sulla scia di Fioroni – che i debiti formativi devono essere recuperati ogni anno, dimostra una certa visione della scuola. Certo, i costi ci sono e vanno ridotti: la scuola pubblica è di dimensioni enormi, e purtroppo il privato è ancora poco. Il ministro sta creando i presupposti per riqualificare la scuola pubblica, per dare dignità alla funzione docente, per creare più serietà in classe. Il tentativo è riportare un clima di responsabilità, anche per le famiglie. Un’altra scelta importante è la chiusura delle SSIS, che era una fabbrica di disoccupati in mano a una cricca di potere. Tutto questo dimostra che si possono fare scelte importanti dal punto di vista educativo, attuando anche risparmi di spesa; perché il vero disastro non è la mancanza di risorse, ma il cattivo uso che se ne fa.



© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
01/10/2008 - Il prmo motivo dell'apprezzamento della Gelmini (alberto fornari)

Il primo motivo per cui la Gelmini sta ottenendo consensi popolari oltre ogni previsione è che ha cominciato a pronunciare come degne e apprezzabili parole che da decenni erano tacciate come retrograde o addirittura fasciste. "Disciplina", "impegno", "autorità" sono espressioni che per tantissimi risuonano piene di significato perchè pescano da un "buon senso " profondo, sommerso ma non dimenticato. Finalmente si può dire ciò che in fondo da tanti anni si voleva dire ma non si osava, perchè la mentalità dominante lo osteggiava. Dobbiamo essere grati alla Gelmini perchè, magari in modo talora non del tutto lineare, sta facendo riemergere, nelle parole e nei fatti, un filo che si ricollega alla più grande dimenticata della nostra scuola : la tradizione.

 
30/09/2008 - risposta (Giuseppe Casamassima)

Ho parlato di informazione, ma non di dignità culturale. Comunque grazie per aver pubblicato il mio commento.

 
29/09/2008 - non mi convince (Giuseppe Casamassima)

Prendereste lezioni di matematica da un pedagogista? Io no. Per lo stesso motivo preferisco non prendere lezioni di pedagogia da un matematico. La conferenza dei rettori delle Facoltà di Scienze della Formazione ha unanimemente bocciato la riforma Gelmini. Mi perdoni il prof. Israel ma ubi maior minor cessat. Il prof. Israel capirà che tra dare un 3 a una scuola, come farebbero i centri Ofsted, e darlo a un bambino di sette anni c'è una grande differenza. Ma poi la questione voto o giudizio è secondaria. Ben più degno di attenzione è quel passo del decreto ministeriale che dice: "Sono ammessi alla classe successiva [...] gli studenti che hanno ottenuto un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline". Magari chi non capisce nulla di scuola potrebbe anche interpretare queste parole come un segno di serietà! Oggi i sondaggi dicono che il ministro Gelmini gode di un buon gradimento? Aspettate che le famiglie siano bene informate e vedrete cosa succederà. E' solo questione di tempo.

RISPOSTA:

Ci faccia sapere quando ritiene le famiglie sufficientemente informate e culturalmente degne di essere ascoltate.

 
27/09/2008 - Lo sviluppo delle capacità simboliche (Alessandra Monda)

Non so se gli italiani stanno apprezzando, ma c'è un aspetto trattato da Israel degno di ulteriori approfondimento: lo sviluppo delle capacità simboliche ed il passaggio ai sistemi notazionali si colloca nella fascia d'età 4/8 anni ed è dirimente per il prosieguo degli studi. Questa argomentazione porta a due conseguenze importanti. La prima già segnalata dall'articolo. Un solo docente in prima classe potrebbe curare meglio lo sviluppo delle abilità simboli/notazionali, sempre che ne sappia abbastanza nel merito; ciò pone con forza il problema della formazione iniziale. L'altra conseguenza e che lo sviluppo delle capacità simboliche appartiene all'età precedente, quindi dovrebbe essere un compito specifico della scuola dell'infanzia. Purtroppo quest'ordine di scuola, per quanto disponga di basi culturali esemplari, oggi è fuori da ogni programma di sviluppo. Vorrei ricordare il documento Linee di sviluppo della scuola dell'infanzia del 1998, pubblicato dall'allora MPI. Lì è detto chiaramente, tra l'altro, che la scuola dell'infanzia pone le basi della simbolizzazione, se ne delineano le prospettive di qualificazione, ivi comprese quelle del personale docente. Purtroppo, come tante altri interessanti filoni di sviluppo anche questo si è arrestato. Ce lo ricorda oggi l'Europa quando afferma che gli obiettivi di coesione sociale e competitività sono meglio perseguiti dai paesi che investono risorse sul sistema prescolare.

 
26/09/2008 - l'emergenza educativa (Angelo Lucio Rossi)

Gli italiani sono consapevoli della grande emergenza educativa che attraversa tutti: alunni, genitori, insegnanti e dirigenti scolastici. L'emergenza educativa riguarda ciascuno di noi in tutti gli ambienti. L'emergenza educativa scuote tutti i luoghi comuni fermi all'obiettivo di riportare un minimo di disciplina nella scuola oppure si arriva a prefigurare una sorta di "educazione alla cittadinanza". I ragazzi si chiedono sempre quale sia il loro io e gli adulti non possono rispondere con "istruzioni per l'uso". C'è una passività che ha bisogno di una educazione come avvenimento. L'educazione comunica una storia. L'educazione è un avvenimento profondamente razionale, ragionevole, perchè produce una verifica, permette una verifica di sé, proprio come potenziamento dell'umano, dell'io: ragione e libertà. Sia chiaro che questa è la vera emergenza nazionale da scrivere sull'agenda di questo nostro Paese. Nessuno può mettere a tema altro tentando "analisi" pedagogiche. Nessuno può tentare di "scaldare" l'elettorato con aggiustamenti che sfiorano la grande emergenza educativa. Voti o giudizi senza una coscienza professionale tesa ad una valutazione formativa restano confinati nel "burocratese". Il maestro unico non può diventare una nuova "bandiera ideologica" per combattere contro la pluralità dei docenti. Tra l'altro il modulo è superato da anni. Rilanciare la scuola autonoma significa permettergli di scegliere la sua organizzazione non escludendo il maestro prevalente.

 
26/09/2008 - Anche a sinistra qualcosa si muove (Max Bruschi)

Alla voce di Israel si sono unite anche alcune voci (per ora destinate a urlare nel deserto) del centrosinistra: voci di peso, come la fondatrice di Emily Claudia Mancina, l'ex ministro Berlinguer, Luca Ricolfi. Chiedono una sfida sui contenuti, approvando sostanzialmente gli interventi del Ministro Gelmini. Purtroppo, circolano insistenti indiscrezioni riguardo a maestre costrette a firmare appelli "contro", con la minaccia di essere isolate dalle colleghe.

 
26/09/2008 - Bene, ma continuiamo (Silvio Restelli)

I voti numerici, il voto in condotta, il recupero esprimono una linea di maggior rigore che è condivisa da tutti, ma non toccano i veri nodi problematici della scuola italiana. In essa la carriera docente è attualmente inesistente e controllata totalmente dalle componenti sindacali e politiche della scuola. Il ruolo delle agenzie esterne alla scuola nella valutazione degli apprendimenti è nullo. Cioè tutto è ancora affidata al rapporto tra docenti/scuola/consiglio di classe e studenti: numeri o giudizi che si voglia. Da questo punto di vista basta misurare la distanza tra Gran Bretagna (Ofsted, ecc.) e Italia (Invalsi) per capire. Là ogni scuola è attentamente vagliata nella sua produttività e i risultati sono pubblici. Qui si vuol nascondere anche la parola respinto dai tabelloni finali e la Corte di Cassazione condanna un insegnante perché avrebbe minacciato la bocciatura. Infine il valore legale del titolo di studio è identico per scuole che preparano e scuole che non lo fanno.