BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ISTRUZIONE/ Il cambiamento nella scuola? Deve essere dalla parte degli studenti

Pubblicazione:

scuola_alunni_aulaR375_25ago08.jpg

 

Diversi sono i livelli di discussione che si aprono sul tema del cambiamento della scuola a partire da quello ordinamentale a quello strutturale, professionale, disciplinare e via via fino ad arrivare ai soggetti destinatari, cioè gli studenti e le famiglie.

Forse nel portare o addurre ragioni in un senso o nell’altro o nel tentativo, non certo disdicevole, di comporre contraddizioni o conflitti di competenze tra un soggetto istituzionale e l’altro, tra difese corporativistiche e altro, ci si dimentica che il primo compito della scuola è rispondere ad uno dei diritti fondamentali, il diritto allo studio, e contemporaneamente educare alla responsabilità e sostenere le persone nel loro ingresso nella vita burocratica, sociale, professionale ecc.

In altri termini la scuola oggi dovrebbe fornire ai giovani identità e professionalità, dovrebbe educare al lavoro, alla professione, e al vivere in società in modo responsabile.

Dovremmo chiederci dunque se e come l’attuale sistema scolastico risponda a questo. Pare di no a giudicare sia dagli esiti evidenziati purtroppo dai risultati internazionali sia dal malessere generalizzato di chi nella scuola si trova o per insegnare o per apprendere.

È evidente allora che il sistema così com’è non funziona e che un cambiamento è necessario. Ma su cosa intervenire?

 

Partendo dal presupposto che la scuola è principalmente chiamata a fornire ai giovani gli strumenti culturali per affrontare la realtà e per dare loro identità biografica, professionale e culturale, la prima questione da affrontare riguarda l’identità del sistema scolastico e la definizione di percorsi chiari e pensati per gli studenti nel tipo di scuola in cui hanno scelto di proseguire gli studi.

 

La seconda questione, alla prima strettamente connessa, riguarda la trasmissibilità dei saperi e il rapporto tra le varie discipline all’interno di un certo contesto scolastico: che cosa, quanto e come di ciascuna disciplina deve passare attraverso la relazione educativa insegnamento/apprendimento.

Qui il confronto, tra i docenti anche nelle associazioni professionali, dovrebbe uscire dalla logica della centralità della disciplina e andare nella direzione di puntare ai soggetti destinatari dell’azione educativa. Che non vuol dire svuotare di contenuti le discipline, al contrario vuol dire dare ad esse significatività e dare senso e forza a tutta l’azione educativa con il concorso delle diverse discipline.

 

Il cambiamento nella scuola deve passare allora attraverso una differenziazione chiara dei percorsi, che superi la logica della gerarchia tra le scuole, deve passare attraverso una rivisitazione dei saperi disciplinari non in relazione alla quantità, ma in relazione alla spendibilità e alle competenze che sono in grado di costruire.

Il cambiamento nella scuola è possibile solamente se c’è la volontà di confrontarsi con i sistemi scolastici europei e nella misura in cui le competenze che la scuola italiana fornisce siano riconducibili al quadro delle competenze chiave di Lisbona.

 

L’atteggiamento aprioristico e discretamente generalizzato di chi respinge qualsiasi tentativo di cambiamento, trincerandosi nella logica dell’autoreferenzialità della propria disciplina o della propria scuola, continuerà a non fare gli interessi dei nostri studenti.

 

 



© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
08/02/2009 - Il cambiamento parta dai dirigenti (adele vitale)

Si elencano di seguito le richieste fatte ai Sindacati dagli Idonei del Concorso Ordinario II settore, affinchè le trasmettano nelle sedi opportune: 1) Pensionamento di tutti i Dirigenti che abbiano maturato i 40 anni di servizio e/o compiuto i 65 anni; 2) Richiesta autorizzazioni del MEF prioritariamente per le scuole secondarie di II grado finora non concesse neppure in fase interregionale; 3) Blocco dei passaggi dal primo al secondo settore ,già pesantemente penalizzato, per il prossimo anno scolastico; 4) Eventuale attribuzione anche degli incarichi di dirigenza agli idonei dell'Ordinario. Certi che le loro attese e speranze non saranno deluse, che il merito e la giustizia verranno premiati, ora che le scuole superiori hanno più che mai bisogno di una dirigenza qualificata e pronta ad affrontare e superare, grazie a capacità professionali e manageriali già valutate e certificate, un periodo difficile di crisi, per un concreto e vitale rilancio della nostra scuola in Europa, gli Idonei del Concorso Ordinario II settore porgono distinti saluti. Adele Vitale- Rappresentante Coordinamento Nazionale Idonei Concorso Ordinario Dirigente Scolastico

 
02/02/2009 - STUDENTI VERSO IL SEMIANALFABETISMO SCIENTIFICO? (Michele Borrielli)

l’articolista parla di “rivisitazione dei saperi disciplinari non in relazione alla quantità, ma in relazione alla spendibilità e alle competenze che sono in grado di costruire”e di “significatività” delle discipline. Studi autorevoli di didattica delle scienze sperimentali Chimica e Fisica, sottolineano che il loro “apprendimento significativo” necessita anche di attività laboratoriali; ma dalle bozze di quadri orario in http://www.retescuole.net/contenuto?id=20090115024121 (all'esame di cnpi?), si vede invece che tali attività laboratoriali sarebbero quasi impossibili in appena 2 ore settimanali (es. bozze per tecn. economico), ed elementari propedeuticità non sono considerate. E da chi sarebbero insegnate queste pochissime ore, nei Tecnici e Licei? La Chimica dal Laureato in Chimica, la Fisica dal fisico, le scienze dal laureato in scienze? Nemmeno questo. Studenti verso il semianalfabetismo scientifico? Con tali presupposti, ha senso parlare di “uscire dalla logica della centralità della disciplina e andare nella direzione di puntare ai soggetti destinatari dell’azione educativa.”? Facile forse per le discipline che da questi quadri orario hanno un aumento del numero di ore (es Italiano), ma per le discipline scientifiche e tecnologiche è inevitabile prima fare presente questo disastroso taglio, selettivo verso alcune discipline, quelle scientifiche, e quelle scientifiche e tecnologiche dell’area di indirizzo VEDI http://www.ilsussidiario.net/articolo.aspx?articolo=11498

 
01/02/2009 - La valutazione dei docenti (Daniela Marti)

Non esiste la riforma che risolverà i problemi della scuola italiana se non si affronterà seriamente la valutazione dei docenti. Chi non sa insegnare non deve essere inamovibile, perchè a scuola non è importante solo conoscere la propria disciplina, ma ottenere i migliori risultati dagli alunni che si hanno. Molti docenti non solo non sanno neanche cosa significa prendere in considerazione ciascun alunno per quello che è per quanto riesce a dare, ma non si pongono neppure il problema.