BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ A scuola da Cometa, dove gli ultimi diventano primi

Pubblicazione:

Cometa_Oliver_TwistR375.jpg

Sicuramente il coinvolgimento di adulti, ha ricordato Anna Venturino, direttore della Fondazione Oliver Twist, è generato e sostenuto dalle famiglie di Cometa, la realtà educativa che ha generato la scuola come dilatazione della sua esperienza di accoglienza.

 

Inoltre, un'importante conferma per il prosieguo della strada intrapresa è l'attestata efficienza delle attività realizzate. Come ricorda l'indagine, infatti, un ragazzo della "Scuola Oliver Twist" costa oggi (€ 4.500), poco più della metà del costo a studente dei percorsi analoghi del sistema di istruzione statale (€ 7.388).

 

Un modello di intervento quello della "Scuola Oliver Twist", di particolare interesse per il coinvolgimento di una realtà non profit che interviene con l'ente pubblico e il sostegno delle imprese profit. Un esempio efficace questo di una società a tre settori sinergici, come la immagina Lester M. Salamon, direttore del Centro Studi per la Società Civile. Il Professore in un organico intervento di ampio respiro richiama la carità, ma soprattutto la responsabilità di ciascuno, innanzitutto dei beneficiari di aiuto.

 

La "Scuola Oliver Twist", la storia di Cometa, rappresenta una scommessa sulla possibilità di bene già vinta, un'iniziativa privata che genera un servizio pubblico di valore per tutti. Cometa è oggi un luogo di ricostruzione della società che parte dal basso; sarebbe utile per tutti che lo stato e la società favorissero esperienze di sussidiarietà come questa. La posizione ideale, la passione, il cuore con cui uno parte sulle cose sono il punto di partenza, non un interesse particolare contro il bene comune. Aveva torto Hobbes che diceva che l'uomo è egoista è quindi va controllato per l'ipotesi di male che può generare.

 

È doveroso riconoscere che l'efficacia dei risultati e la capacità di coinvolgimento di questa iniziativa scaturisce da un incontro che ha generato l'impeto ideale di alcune famiglie destando una responsabilità che le ha introdotte nell'esperienza dell'accoglienza e dell'educazione.

 

La Scuola Oliver Twist rappresenta oggi uno degli esempi di quella novità che sta emergendo in Italia nel panorama dell'educazione nell'Istruzione e Formazione Professionale, non più scuola degli ultimi, ma luogo di un nuovo metodo pedagogico che oltre a far crescere educatori, ragazzi e imprese, offre un contributo di riflessione all'intero sistema educativo, anche in merito ai più attuali temi di riforma scolastica. Un seme per crescere, una possibilità di bene per tutti.

 

(Alessandro Mele)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.