BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Se a Cremona il Natale diventa solo una “festa delle luci”…

Pubblicazione:

alberoluciR375_14dic09.jpg

 

Annullare i propri tratti identitari per ragioni di rispetto. È l'errore in cui scivola, con frequenza preoccupante, chi riduce la laicità ad assenza di simboli, riferimenti, appartenenze.

L'ultimo episodio si registra in una scuola elementare di Cremona, dove il Natale farà posto a una meno compromettente "Festa delle luci". Così facendo, si spiega, è fatta salva l'attenzione per gli alunni di altra fede. Scelta sbagliatissima, per più di una ragione.

Il primo, evidente paradosso è che, con la scusa di "tutelare" alcuni, si toglie qualcosa a tutti gli altri. Chi salvaguardia la sensibilità della "maggioranza"? Dove finisce il diritto di quanti crescono radicati in un Cristianesimo vivo, a veder riconosciuta, pubblicamente, la consistenza del proprio credo, che è stato ed è il terreno su cui cresce la nostra civiltà? È giusto che ci si veda negare, tra i banchi di scuola, quanto s'impara a casa dai propri padri?

Il secondo paradosso sta nel significato che si affibbia al termine "dialogo" e alla conseguenza pratica che ne deriva, cioè la rinuncia a un’identità di popolo.

La giustificazione addotta è il favorire lo scambio interculturale, la vicinanza tra i popoli, l'annullamento delle contrapposizioni religiose. Il risultato che si ottiene, però, nega in tutti i casi gli obiettivi di partenza: l'integrazione con la nostra società resta una chimera, mentre trova spazio il formarsi di nuclei sociali a sé stanti, avulsi dal contesto in cui vivono, regole comprese. Tutto ciò si trasforma in un terreno pericolosamente fertile per la criminalità organizzata.

Queste conseguenze sarebbero facilmente prevedibili: chiunque arrivi nel nostro Paese e tenti un minimo di dialogo, lo troverebbe solo nel caso in cui l'interlocutore abbia qualcosa da dirgli, da mostrargli, da condividere. Invece la civiltà occidentale, portatrice di un patrimonio di valori alto e ricchissimo, è messa ai margini da una minoranza intellettuale. È annullata da chi pensa che essere portatori di un’esperienza radicata in secoli di storia irriti la sensibilità altrui.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
16/12/2009 - Festa delle luci (loris SOleri)

Sappiamo bene che la "festa delle luci" (Chanukkà) è una festa tipicamente ebraica, per cui in tantissime piazze italiane viene posto il candelabro ebraico a 9 braccia. La festa cristiana del Natale viene semplicemente sostituita con una festa ebraica, tra l'altro promossa dal movimento Chabad, a dir poco fondamentalista. Non è una festa pagana o "laicista". I cristiani sono sempre i più fessi, oggi.