BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Nuovi licei: ecco perché agli insegnanti conviene imparare a "fare gruppo"

Pubblicazione:

carrieradocentiR375_15set09.jpg

 

Ma la vera scommessa di questa Riforma riguarda gli insegnanti, l’identità, i loro compiti, il ruolo. Infatti la novità è che il riordino dei percorsi passa attraverso modelli organizzativi che prevedono l’attivazione di dipartimenti. I dipartimenti vengono definiti negli schemi di Regolamento articolazioni funzionali del Collegio dei Docenti, con compiti di sostegno alla didattica e alla progettazione formativa. Gli scopi vanno nel senso di ampliare il confronto su obiettivi educativi, percorsi formativi, per individuare le metodologie più efficaci al raggiungimento dei risultati attesi e per l’aggiornamento delle aree di indirizzo.

I Coordinamenti di materia e/o disciplina sono attualmente una suddivisione del Collegio dei docenti, rispondenti a scopi puramente funzionali e applicativi delle linee generali, dal momento in cui i Nuovi Regolamenti definiscono in via normativa la costituzione dei dipartimenti, questi debbono essere investiti di funzioni e responsabilità non solo formali ma anche effettive.

È pensabile un processo di delega che mantenga al collegio docenti la responsabilità della linea pedagogica espressa negli indirizzi generali del POF e affidi ai dipartimenti la prassi?

Il dipartimento obbliga gli insegnanti a ripensare il proprio lavoro in una dimensione comunitaria, superando steccati e barriere corporative, indotte dalla consuetudine del rapportarsi esclusivamente con la propria disciplina.

Questo approccio facilita la riprogettazione dei curricula orientati al conseguimento di competenze per ricollocare il sistema educativo nazionale nell’adeguata dimensione europea.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
30/12/2009 - Un grazie e una precisazione (Max Bruschi)

Ringrazio Lucia Failla per aver colto appieno il significato dell'impianto organizzativo dei nuovi licei e colgo l'occasione per tranquillizzarla: non ci saranno modifiche dettate da pressioni corporative, ma solo dall'esigenza di avere i migliori percorsi liceali possibili.