BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TESTIMONIANZA/ Scuola: il rito stanco delle occupazioni degli studenti in autunno

Pubblicazione:

dis_occupazioneR375_05dic09.jpg

 

Ecco perché sarebbe auspicabile che trionfasse veramente un dialogo schietto, leale a partire dalle componenti di professori e presidi fino ad arrivare ai ragazzi (nessuno escluso).

Comprendere e provare a costruire insieme qualcosa di più grande che una semplice protesta, destinata a cadere nel dimenticatoio in poche settimane. Perché non aiutarsi nello studio, magari valorizzandone gli aspetti positivi? Perché non provare ad organizzare un’assemblea d’istituto diversa e più “profonda”? Oppure dar vita a progetti di condivisione, socialità e quant’altro? Si parla di cose realizzabili e realizzate, spesso nel silenzio dei media.

Il suddetto professor Monda accettava serenamente l’invito a discutere di aborto ed etica in assemblee d’istituto palesemente “di sinistra”. Accettava il tutto non certo per provocazione ma per spiegare le sue ragioni che poi, spesso, erano le ragioni di tanti studenti silenziosi e “secchioni” che, pur non urlando slogan, sono stati capaci di rivoluzioni ben più grandi.

 

(Marco Fattorini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.