BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Ammissioni agli esami: bene la media del 6, ma non tutte le materie sono uguali

Pubblicazione:

scuola_aulalezioneIIR375_13set08.jpg

 

Ammissione degli allievi agli esami di stato: alla fine la severa Ministra ha ceduto e si è tornati alla richiesta della media del 6, abbandonando la pretesa di tutti 6.

Sarebbe superficiale leggere questa inversione di rotta come un ennesimo trionfo del lassismo degli insegnanti italiani sui tentativi di imporre alla scuola maggiore rigore e serietà.

L’evidente scivolata – i ministri non dovrebbero mai essere messi nella condizione di dover tornare sui propri passi! – è dovuta infatti alla contraddittorietà delle posizioni sulla valutazione degli studenti che sta dietro molte disposizioni normative prese negli ultimi tempi.

Il segno della politica di questo ministro è infatti quello del ritorno alla serietà ed al rigore, dopo decenni di lassismo che avrebbero caratterizzato lo stile della scuola italiana.

Non che questa analisi sia del tutto infondata.

Finché si tratta infatti di questioni di comportamento sostanzialmente il ragionamento regge, al di là di sporadiche intemperanze di docenti che sembrano sfogarsi dopo un lungo periodo di frustrazioni.

Posto infatti che la cronaca scolastica - ma anche ahimè la storia - si sono incaricate di dimostrarci che l’uomo non è necessariamente e naturalmente buono, la utilità del ripristino anche delle sanzioni era chiara non solo agli occhi di incalliti reazionari ma anche di sensati progressisti.

Ma se si va al problema degli apprendimenti, la questione si fa più complicata. E’ difficile infatti affrontare il presente ed il futuro con gli strumenti del passato (come la scala decimale dei voti o il Regio Decreto del ’24) o meglio, qualora si ritenga opportuno farlo, è necessario dar loro una spolveratina, adeguarli ai tempi nuovi.

I tempi nuovi sono segnati essenzialmente dalla necessità per società avanzate, e perciò complicate da viverci dentro, di scolarizzare tutti, magari in modi diversi.

In una popolazione così ampia che si trova davanti una proposta formative così articolata (e che tale rimarrà anche dopo una radicale auspicabile potatura) è difficile pensare che tutti gli studenti in tutti i campi raggiungeranno l’asticella della soglia base.

Se si pone questa come la condizione per il passaggio da un anno all’altro, si mettono le premesse per le ripetenze o nel caso specifico per le non ammissioni agli esami.

Il problema delle quali non è che fanno soffrire lo studente, ché anzi un’adeguata dose di frustrazione sembra utile ai fini della crescita. Il fatto è che non servono a molto, rispetto all’obiettivo che si propongono. In quasi tutti i paesi europei la ripetenza è in via di sparizione a partire dalle ricerche degli anni Settanta (sconosciute in Italia) che dimostravano la sua ininfluenza sul miglioramento dei livelli di apprendimento. Basta del resto dare un occhiata ai risultati PISA italiani per vedere che i risultati peggiori sono quelli degli studenti che a 15 anni sono ancora in 3° media. Il governo tedesco del Cancelliere Merkel, non sospetto forse di intenerimenti sessantottini, invita quest’anno ad evitare le bocciature e ad ottimizzare i risultati.

Certamente, in alcuni limitati casi la ripetenza può essere utile ed anche necessaria, ma è del tutto infondato concepirla come strumento di recuperi cognitivi a livello di massa.

Bisognerebbe avere il coraggio di dire che debbono esservi materie “catenaccio”, quelle degli apprendimenti strumentali di base, quelle messe sotto indagine dalle ricerche tradizionali.Ma chi se la sente di farlo a fronte di masse di insegnanti che si sentirebbero immediatamente retrocessi in serie B?

In realtà la soluzione della media del 6 è da fini pedagogisti. Ci sono paesi che la applicano anche nei passaggi normali da un anno all’altro (sono ammessi però i 5 e non i 4). In filigrana vi si può perfino leggere la teoria dello sviluppo diversificato delle intelligenze.
Tutti gli adulti sanno che, fatto salvo il possesso degli apprendimenti strumentali di base, è più importante per il proprio futuro avere forti vocazioni e predilezioni, piuttosto che omogenei discreti rendimenti.

Promuovere con il 5? Promozioni facili? Promozioni di massa?

La dichiarazione esplicita di quanto realmente appreso attraverso voti e certificazione sarebbe un calmiere più che efficace, insieme con un sistema di valutazioni periodiche esterne applicato anche agli studenti, come si è iniziato a fare all’esame di terza media.

Le Università e i datori di lavoro saprebbero subito che chi ha preso sempre 5 in matematica non ha forte vocazione per professioni a carattere scientifico tecnologico e che chi ha sempre preso 5 in ragioneria non ha forse la propensione a maneggiare bilanci. Naturalmente un 5 suffragato dai risultati delle valutazioni esterne ed accompagnato dalla certificazione dei contenuti ad esso sottesi.  

Sapendo questo, forse gli studenti sarebbero più incoraggiati a rimboccarsi le maniche di quanto oggi non lo siano dal timore (che talvolta diviene speranza) di parcheggiarsi un anno in più fra i banchi.

Un ultimo problema: le disposizioni concernenti gli esami di maturità si applicano anche a quelli di terza media?

 

 



© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
21/04/2009 - esame di terza media (Max Bruschi)

La risposta alla domanda dell'articolista è contenuta in una legge dello stato votata dal parlamento: per accedere all'esame "di terza media" occorre avere il sei in tutte le materie. Quanto al dibattito media/non media, mi sembra che il ministro abbia opportunamente deciso di rinviare al prossimo anno l'applicazione del "6 in tutte le materie" per l'esame di maturità, al fine di evitare contenziosi con i genitori di chi, a inizio della 5 superiore, decide scientificamente "quali materie non studiare". In fondo, proprio lo studio è la chiave del successo scolastico. Alle volte, basterebbe aprire un libro, anziché abbarbicarsi alle interpretazioni delle norme o, peggio, ai tribunali amministrativi della repubblica. Anche perché, poi, la vita sconti non ne fa.

RISPOSTA:

L'articolista continua a sperare che la saggia decisione del Ministro - causata da motivazioni a quanto pare del tutto contingenti - si applichi anche alla scuola media e diventi permanente, ad evitare catasrte di inevitabili falsi in atto pubblico, come ha previsto chi conosce la realtà della scuola. In Italia si pensa che il Regio Decreto del '24 che stabilisce che per essere promossi nella scuola secondaria si debbano avere tutti 6 sia una sorta di legge naturale.Invece in molti paesi che ottengono livelli di apprendimento mediamente più alti dei nostri non è così. La sua abrogazione sarebbe il primo e principale passo verso la tanto invocata abolizione del valore legale del titolo di studio. (Tiziana Pedrizzi)

 
21/04/2009 - non siamo piu' all'inizio del '900 (enrico maranzana)

La mancata attualizzazione del quadro di riferimento crea solo confusione. La scuola secondaria è un sistema orientato alla promozione e al consolidamento delle qualità dei giovani. Tale funzione può essere assolta solo se le finalità sono tradotte in obiettivi, se vengono formulate e concretizzate strategie di intervento, se si mettono a confronto obiettivi e risultati per migliorare l'efficacia del servizio [proprio come la legge prescrive]. Pensare al servizio scolastico come alla somma di insegnamenti indipendenti è retaggio della scuola del regno d'Italia. Un ponte romano non è la somma di tante pietre!