BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESAMI DI STATO 2009/ Maturità: come prepararsi e come affrontare la prova di latino

Pubblicazione:

studentessa_libriR375_11set08.jpg

 

PREPARAZIONE - Domani versione di latino. Prepararsi nel senso letterale del termine, ora come ora, è assolutamente impossibile: se siete capaci di tradurre, bene; se non siete capaci, ovviamente non potete imparare oggi pomeriggio. Quindi l’unico consiglio in termini di preparazione della prova è solo quello di mangiare leggeri, fare una bella dormita, e arrivare domani con la mente fresca e lucida all’esame. Magari una traduzione breve oggi pomeriggio può andare bene, visto che tenere allenata la mente non fa mai male.

 

SVOLGIMENTO – Più importante è capire come affrontare domani la prova. Le possibilità sono due: o vi hanno insegnato veramente il latino, quindi domani leggerete il brano e capirete quasi tutto, riservandovi il resto del tempo a concentrarvi su come rendere al meglio il testo; oppure (com’è assai più probabile) preparatevi alla lunga e faticosa marcia di decodificazione di un testo di cui non capite quasi nulla alla prima lettura.

Ecco le fasi di questa assurda operazione linguistica:

1. Per prima cosa ascoltare bene il professore che legge: l’intonazione di un lettore che (si spera!) capisce ciò che sta leggendo è la cosa fondamentale per iniziare a entrare in confidenza con il testo

2. Giù le mani dal dizionario!

3. Giù le mani dal dizionario, ho detto!!

4. Provate a vedere se riuscite a organizzare il testo da soli, senza sapere ancora il significato di tutte le parole. Analisi del periodo, quindi: segnare i verbi, stanghette per separare le proposizioni, e attribuire alla giusta proposizione il giusto verbo.

5. Ora che avete di fronte un testo strutturato dal punto di vista logico-sintattico, iniziate a comprendere il testo, cercando sul dizionario le parole che non capite. Procedete frase per frase, e non passate oltre finché non avete capito bene il significato, altrimenti rischiate di costruire dei castelli assurdi

6. Fate delle domande ai professori, e intratteneteli nelle risposte: emergono sempre suggerimenti utili

7. Adesso che avete la traduzione in “brutta copia” controllatela, e andate magari a riguardare sul dizionario quei passaggi che non vi convincono: magari ci sono significati secondi delle parole che vi sono sfuggiti

8. Fatta la traduzione, trasformatela in italiano: dovete tradurre, non traslitterare! Quindi, se si parte da un testo significativo, e ben costruito, in latino, bisogna arrivare a un testo ben fatto anche in italiano

9. Copiate in bella copia, con scrittura chiara e con i rientri a inizio paragrafo. La cosa mette di buon umore il correttore

10. Buttate a mare quegli stupidi marchingegni elettronici che vi siete portati dietro e che non vi sono serviti a nulla.

 

In bocca al lupo.

 

 



© Riproduzione Riservata.