BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA’ 2009/ Amore e innamoramento: il tema svolto da Pigi Colognesi

Pubblicazione:

Meno male che Leopardi rimette le cose a posto: «Fratelli, a un tempo stesso Amore e Morte / ingenerò la sorte». Qui il discorso si fa pesante, perché il recanatese ritiene che tra le cose più belle della vita non ci sia solo l’amore – fin qui siamo tutti d’accordo -, ma anche la morte. E come la mettiamo, visto che la morte cancellerebbe anche l’amore?

 

Dulcis in fundo Cardarelli ci parla della sua separazione dalla sposa; forse i Commissari mI chiedono di dar conto del fenomeno sociologico dell’aumento dei divorzi e, magari, della legislazione sulle coppie di fatto?

 

Ah no, non eravamo ancora in fundo. Ci sono i documenti artistici. Almeno qui il lasso temporale è più contenuto. Anche se Amore e Psiche di Canova fa il verso alla statuaria greco romana, si tratta pur sempre di produzione di fine Settecento. Novecenteschi gli altri due dipinti proposti. Ma quanto diversi! Il bacio sotto l’asciugamano – suppongo piuttosto scomodo e poco gratificante – di Magritte catapulta in una dimensione da incubo, in uno spazio di assoluta incomunicabilità. D’altra parte la Passeggiata degli amanti di Chagall proietta in un’aura di sogno, uno di quei bei sogni in cui puoi benissimo trovarti mano nella mano con la fidanzata che vola nel cielo sopra le case.

 

Mi accorgo adesso che, solo facendo l’elenco degli spunti proposti, ho esaurito lo spazio a mia disposizione.

  

Ma forse anche questo insegna qualcosa: che l’amore è, in fondo, indefinibile. Ci han provato poeti e narratori pittori e scultori; e hanno detto anche molte cose interessanti, ma non risolutive. Ci han provato anche i teologi, che lo hanno identificato addirittura con Dio. Ma al di là di questi balbettii conta quanto scrisse un monaco medievale: «Nec lingua valet dicere, nec littera exprimere; expertus potest credere».



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.