BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Graduatorie, dirigenti, presidi e insegnanti: il vero “mostro” è la separazione fra formazione e reclutamento

Pubblicazione:

backschoolR375_06ago09.jpg

La questione posta da Max Bruschi su Il Sussidiario del 4 agosto (Dirigenti, presidi e insegnanti: tutti nell’Idra di Lerna delle graduatorie) è troppo importante per essere affrontata con le mezze verità che egli elenca con chiarezza.

 

Prima altra mezza verità da ricordare, allora. La megasantoria che ha fatto sì che, nelle scuole settentrionali, siano collocati quasi 700 dirigenti scolastici meridionali (e la maggior parte dei 17 mila precari messi in ruolo dalla Gelmini) è vero che va attribuita al centro sinistra, espertissimo, storicamente, nella scuola, di sanatorie e contro sanatorie di vario genere. È altrettanto vero, però, che la Gelmini ha sposato in maniera consapevole questa megasanatoria. Poteva cambiare la norma, infatti, lo scorso anno, nella finanziaria. Avrebbe dato sostanza alla sua battaglia giornalistica sul merito. Non l’ha fatto. Ha preferito continuare la politica di Prodi-Fioroni in questa come in moltissimi altri ambiti che, non sia è profeti, creeranno anch’essi, è solo questione di tempo, non pochi e gravi problemi (penso, in particolare alla riforma della secondaria Gelmini-Fioroni di cui ancora troppo pochi hanno capito i perversi effetti teratomorfi).

 

Seconda altra mezza verità. Non c’è da fare battute ad effetto (tanto meno borboniche) sull’ultima versione del disegno di legge Aprea bloccato dall’iniziativa della Lega. Sì, «se hai docenti asini, la colpa è solo tua, non del destino e della graduatoria cinica e bara che te li hanno scucchiaiati in bidelleria». Ed è così, senza scomodare l’Idra di Lerna delle graduatorie tanto care a sindacati, sinistra e governo, perché, nonostante il limite di cui dirò tra poco, il disegno di legge Aprea offriva alle scuole la possibilità (la responsabilità) di un triennio di straordinariato solo alla fine del quale esse avrebbero potuto confermare a tempo indeterminato gli inseriti nelle graduatorie degli abilitati che avevano vinto i concorsi banditi dalle reti di scuole. Se volevano, quindi, le scuole potevano rimandare gli incapaci a fare un altro mestiere. Altro che graduatorie! E questo proprio perché solo insegnando si vede se una persona è davvero competente nell’insegnamento. Certo, forse è vero che pretendere serietà dalle scuole nelle valutazioni dei docenti assunti quando il personale di quelle stesse scuole era stato assunto, in questi ultimi decenni, senza vagli rigorosi e quando nel complesso del paese è costume scaricare sempre sugli altri responsabilità proprie, poteva essere troppo. Ma il disegno di legge Aprea aveva questa ambizione (o velleità). Per cui è del tutto vero che, in base a tale disegno di legge, «se hai docenti asini, la colpa è solo tua, non del destino e della graduatoria cinica e bara che te li hanno scucchiaiati in bidelleria». E che il facite ammuina andava rivolto ad altro.

 

Terza e ultima, questa volta, non mezza verità, ma verità tutta intera. Max Bruschi dimentica che è stato il ministro Gelmini a voler separare (come aveva fatto Fioroni, rinnegando la Moratti) il problema della formazione iniziale dei docenti da quello della selezione in ingresso e dalla carriera in servizio. Avocando il primo problema ai regolamenti ministeriali (a sé) e affidando il secondo all’iniziativa parlamentare, forse, fra l’altro, perché già convinta allora che mai sarebbe stato approvato in tempi brevi, viste le resistenze sindacali, della burocrazia e delle opposizioni ad una simile prospettiva. Non occorre essere aquile, tuttavia, per capire che questa scelta, astuta o obbligata che fosse, avrebbe provocato disarmonie, asincronie, contraddizioni, diseconomie, discontinuità immotivate tra i due momenti. La prima disarmonia (ma proprio prima: le altre, assicuro, verranno non appena ci si sarà resi conto nel concreto dei contenuti della formazione iniziale prevista dal regolamento Gelmini!) è quella subito colta dalla Lega per le ragioni dette da Bruschi. Sei anni di formazione universitaria iniziale non bastano a tacitare le preoccupazioni sulla reale competenza di chi è dichiarato abile all’insegnamento. E non bastano proprio perché, come scrive anche Bruschi, «la capacità di trasmettere conoscenze, di “fare segno” non è misurabile attraverso un test (come quello proposto dalla Lega, ndr.) , ma solo nella realtà della relazione dell’insegnante con le persone che ha di fronte a sé». Ma se è vero questo perché si è separato ciò che doveva rimanere unito? Questa la trafila per diventare docenti: 5 anni per la laurea e un anno di formazione universitaria per l’insegnamento, stabiliti dal regolamento Gelmini; poi, separati pour cause, dai primi 6 anni, il disegno di legge parlamentare bloccato dalla Lega prevedeva bandi dei concorsi per il reclutamento da parte della rete di scuole, quindi tre anni di straordinariato e alla fine conferma in ruolo. In totale 10 anni almeno. E vi pare poco? In nessun paese al mondo accade una cosa simile. E tutto questo perché il ministero ha voluto spezzare la formazione iniziale dal reclutamento. Dimenticando che solo unendo i due stadi, permeandoli l’un l’altro, avrebbe potuto e dovuto, invece, ottimizzare tempi, contenuti e serio controllo qualitativo della formazione non solo dichiarata, ma anche agita. Invece, vedrete, andremo avanti altri decenni ad immettere in ruolo precari con età media di 44 anni.

 

(Elena Vaj - dirigente scolastico, Varese)



© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
07/08/2009 - Dieci anni? per me sono molti meno (Max Bruschi)

Ringrazio la preside Vaj per l'attenzione. Le ragioni che hanno indotto, con l'accordo della presidente Aprea, a sdoppiare formazione e regolamento sono giuridiche. La Legge 244/2007 (finanziaria "Prodi") delega il governo ad emanare regolamenti su: "la disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale e dell'attività procedurale per il reclutamento del personale docente, attraverso concorsi ordinari, con cadenza biennale". Mentre sulla formazione c'è un sostanziale campo libero (e l'urgenza dovuta all'abolizione delle SSIS), ciò non vale per il reclutamento: avremmo dovuto fare un regolamento impostato secondo le vecchie prassi (graduatorie e via discorrendo) diverse dalle linee politiche della maggioranza! Da qui la necessità di una soluzione legislativa per il reclutamento, che spero si disincagli al più presto. Peraltro, i momenti di "creazione" di un docente sono due e sono distinti: l'abilitazione (che si dovrebbe conseguire attraverso il nuovo regolamento) e l'immissione in ruolo. Quanto alla durata dei percorsi, tra DL Aprea (ultimo) e DL Pittoni non c'è differenza: sempre 9 anni sono (5, + 1 per l'abilitazione, + 3 di "prova"). Il sogno? Ridurli a 6 (5, +1 per l'abilitazione, iscrizione all'albo e libertà delle scuole di SCEGLIERE). Sulla sanatoria dei dirigenti di Fioroni: esiste purtroppo la tutela delle "legittime aspettative". E' impossibile cancellare una "sanatoria" in corso d'opera. Altrimenti, lo si sarebbe fatto!

 
07/08/2009 - Lo scaricabarile (enrico maranzana)

La colpa è sempre degli altri .. buttiamola in politica. Leggendo con attenzione quanto è avvenuto negli ultimi 35 anni emerge con chiarezza che il problema della qualità dell'insegnamento sia irrisolto a causa dell'omissione negli ordini del giorno del Consiglio di Istituto del dettato della legge. I dirigenti scolastici, che presiedono la giunta che concepisce l'ODG, hanno sistematicamente eluso il problema. Si ricorda che il Consiglio di Istituto ha potere deliberante in materia di “organizzazione e programmazione della vita e dell'attività della scuola” (T.U. 297/94) e può sanare il conflitto esistente tra la struttura degli istituti scolastici e uno dei postulati delle scienze dell’organizzazione: “Non si devono confondere le figure del controllore con quella del controllato”. Le valutazioni espresse dal docente, invece, sono ordinariamente assunte come parametro dell’efficacia del servizio e, conseguentemente, della validità dell’insegnamento da lui impartito. La normalizzazione si sarebbe potuta ottenere affidando all’insegnante la valutazione formativa, funzionale al monitoraggio degli apprendimenti, a una "commissione valutazione abilità e conoscenze" quella sommativa, che risolve gli aspetti amministrativi.