BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Ecco che cosa non va nell'apprendistato voluto da Sacconi

Pubblicazione:

vasoargillaR375_26gen10.jpg

 

Il biennio doveva essere “di scuola” e se – come abbiamo detto – la scuola è il liceo classico, vi lascio immaginare cosa possano pensare dell’istruzione tecnica o, peggio mi sento, della formazione professionale, che preveda l’attivazione di percorsi di alternanza scuola-lavoro. E così (eterogenesi dei fini?) abbiamo nei fatti mandato a farsi benedire il biennio unitario (qualcuno addirittura pretendeva fosse unico, allungando così nei fatti la secondaria inferiore ad un quinquennio), facendo dell’elevamento dell’obbligo una riforma a metà. Ecco perché oggi Confindustria applaude al provvedimento: le abbiamo spiegato – noi di sinistra – che l’alternativa è mandare i ragazzi a scuola fino a 16 anni, anzi fino a 17, visto che il percorso che dà la qualifica è triennale.

Come si evince da quanto ho scritto, condivido con Bertagna la delusione per la reazione dei "benpensanti" al provvedimento, ma questo non ci può impedire di denunciare tutto ciò che non va in quel provvedimento. Ad esempio, se lo stesso Bertagna invoca che venga chiesto al Governo di «[dettare] al più presto i livelli essenziali di prestazione che le aziende devono assicurare per rendere il lavoro un’altra via per l’apprendimento e la maturazione complessiva della personalità degli studenti dai 15 ai 18 anni» oppure di «chiarire subito come intende verificare i risultati di apprendimento non scolastici, ma comunque educativi dell’apprendistato» vuol dire che queste cose (che sono essenziali e non marginali) oggi non ci sono. Il limite di Sacconi è poi quello di aver opposto ad un approccio ideologico e sbagliato un approccio altrettanto ideologico e – se possibile – ancor più sbagliato: il problema è che quasi il 20 per cento di chi si iscrive in prima superiore non termina il proprio percorso? Il Governo non può limitarsi a prenderne atto.

Una classe dirigente degna di questo nome dovrebbe piuttosto invertire questa tendenza favorendo con tutti i mezzi la permanenza di ciascuno studente nel percorso, non la sua fuoriuscita da esso. E con "classe dirigente" intendo (ciascuno secondo le proprie responsabilità presenti, passate e future) sia l'attuale maggioranza che l'attuale opposizione.

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO ">>" QUI SOTTO



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >


COMMENTI
14/02/2010 - Quando il diavolo ci mette la coda.... (Franco Labella)

Non avendo ottenuto risposta dal prof. Bertagna, ci riprovo con Campione che pure lui scrive: "Dal punto di vista generale occorre smettere di pensare alla scuola come l’unico luogo dove si acquisiscono le competenze e le conoscenze necessarie". Posso porre a Campione la stessa domanda che ho posto,senza esito al prof. Bertagna? E cioè quanti serramentisti milanesi conosce che spiegano ai loro apprendisti la resilienza dell'alluminio usato per costruire gli infissi? Dal mio osservatorio meridionale non conosco falegnami lucani che spieghino ai loro giovani apprendisti perchè, con la glogalizzazione, è divenuto poco conveniente usare il legno di noce nazionale. Chiamerebbero, poi, la neuro (per ricoverarmi ovviamente) se provassi a chiedere quanti datori di lavoro spiegano ai loro apprendisti il contenuto dell'art. 36 della Costituzione. Di questi tempi, poi.... E sempre a proposito dell'idea dei benpensanti che la scuola serva:in uno dei commenti qui sotto le Regioni, certamente per un comprensibile lapsus, da 20 diventano 24. Pensate che l'apprendista a cui accorceremo il percorso scolastico se ne accorgerà? Franco Labella

 
28/01/2010 - Quanti insegnanti? (Marco Campione)

Il Prof. Pesce giustamente mi chiede "quanti insegnanti...". Secondo me molti di più di quanto comunemente non si pensi e molti di meno di quanti sarebbe necessario (e eticamente "giusto"). La risposta non sembri solo un gioco di parole perché le assicuro che sono serissimo

 
27/01/2010 - Ottimismo della speranza? (ROBERTO CALZOLARI)

Analisi stimolante e che sarebbe utile leggessero in molti ma, sulle conclusioni "più nel concreto", mi si permetta qualche osservazione: 1) l'istruzione professionale alle Regioni perchè assessori, enti di formazione, associazioni ed esperti vari possano ridurla come la formazione professionale (e senza renderne conto a nessuno...) 2) certificazione delle competenze, magari nei distinguo deliranti di non formale, informale e formale per ragazzi, casalinghe e cassaintegrati vari, validate dal solone di turno e non riconosciute da nessuno? 3) "diffondere capillarmente l'apprendimento hands on - minds on" in un Paese in cui i soggetti titolati ad intervenire in materia di istruzione/formazione/lavoro sono (almeno): tre Ministeri, 24 Regioni e due Provincie autonome, Associazioni Datoriali e Sindacali, Enti di Formazione pubblici e privati ed Università, ovviamente in completa ed allucinante autonomia, senza rendere conto dei risultati a nessuno e ovviamente preoccupandosi, proritariamente, di campare, chè tutti "tengono famiglia". Probabilmente niente di trascendentale ma, sullo sconvolgente, non ci scommetterei... Cordialmente

 
27/01/2010 - Deontologia professionale ed insegnamento. (Antonello Pesce)

Salve. Ottimi suggerimenti, ma quanti insegnanti in Italia, indaffarati a "finire il programma" ed impartire nozioni mnemoniche, sono in grado di capire queste cose? Prof. Pesce Antonello I.I.S. "Vallauri" - Fossano