BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Gentili: c'è una "guerra di religione" che mette a rischio la riforma

Pubblicazione:

scuola_formazione_profess1R400.jpg

La riforma dell’istruzione tecnica rappresenta un’occasione preziosa per mettere a punto nuovi modelli didattici e organizzativi. La riforma riduce gli indirizzi e i profili evitandone la frammentazione; istituisce i Dipartimenti per favorire la professionalità degli insegnanti e coordinare gli insegnamenti affini; dà vita ai Comitati tecnico-scientifici per aprire la scuola al territorio; promuove la flessibilità formativa; potenzia gli stage e l’alternanza scuola-lavoro; introduce le scienze integrate e l’insegnamento di una disciplina tecnica in lingua inglese. Gli insegnanti saranno pronti ed adeguatamente formati ad innovare il loro metodo di insegnamento? Questa è la vera partita.

 

È indispensabile l’attivazione su scala territoriale di piani di aggiornamento e di formazione dei docenti e la trasformazione delle attuali rigide “classi di concorso”, per renderle coerenti con l’innovazione didattica. L’avvio di un sistema di monitoraggio e verifica degli esiti di apprendimento potrà favorire gli indispensabili aggiustamenti che ogni riforma richiede. L’investimento nella modernizzazione dei laboratori andrà collegato ad un progetto di valorizzazione della professionalità dei docenti, soprattutto nelle discipline scientifiche e tecnologiche.

 

La riforma vera non è quella scritta nelle norme, ma quella realizzata nei fatti. Dagli insegnanti prima di tutto. E da nuove regole che liberino la scuola dal soffocante centralismo e premino il merito. Potremo misurare i risultati della riforma soltanto se riusciremo a portare il cambiamento scuola per scuola e a dare a dirigenti scolastici e insegnanti gli strumenti per garantire una scuola di qualità ai giovani.

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
08/10/2010 - I muri di gomma sono brutti ostacoli (Sergio Palazzi)

L'articolo andrebbe letto e commentato in collegio docenti quando si discutono senso e scopo della didattica. Ma siamo sicuri che la media dei docenti "voglia" seguire questo percorso? La riforma richiede di mettersi in gioco; di rivedere i motivi, prima ancora dei metodi della didattica. Questo è uno degli aspetti che, in una riforma che ha troppi difetti già più volte evidenziati, risulta più propositivo e innovativo: dato che il semplice voler introdurre degli elementi di buon senso e di consapevolezza risulta così innovativo da sembrare rivoluzionario, o più semplicemente velleitario. Importante è anche la chiara denuncia della sterilità di contrapporre conoscenze e competenze: ma quanti vogliono/sono in grado di recepire il messaggio? Profili, dipartimenti, comitati T/S saranno lettera morta finché tutti i livelli, dirigenti, docenti, studenti, non verranno responsabilizzati a metterli veramente in pratica anziché cercare il modo di neutralizzarli perché cambi il meno possibile. Questa responsabilizzazione (detto in italiano: verifiche, premi e punizioni) è la prima cosa di cui c'è bisogno. Gentili mi perdona se mi resta il dubbio che tutte queste belle idee partoriranno solo mucchi di scartoffie in didattichese, e ben poco cambierà? Sono curioso di vedere il testo pugliese; da lontane esperienze aziendali ricordo la differenza di spessore culturale tra i periti di quelle aree, confrontabili ai loro omologhi del nord, e quelli di altre zone del centro sud.

 
08/10/2010 - Gentili ha ragione. E i Licei? (Michele Borrielli)

Gentili ha ragione quando scrive che “Gli insegnanti devono avere una rigorosa preparazione disciplinare e saper insegnare bene la loro disciplina. Con il riordino dell’istruzione tecnica, le discipline non vanno in soffitta”.(…) “Molte scuole hanno infatti, con fatica e con risultati significativi, sperimentato l’importanza di una didattica per competenze. Tale didattica si basa sulle discipline (…) Collega l’insegnamento ex cathedra alla didattica laboratoriale”.(…) “Le migliori ricerche comparative forniscono dati dai quali si ricava che i risultati di apprendimento sono migliori nei sistemi scolastici nei quali il tempo delle lezioni si combina con il tempo delle esperienze”(…) “È indispensabile (…) la trasformazione delle attuali rigide “classi di concorso”. Egli si sofferma in particolare sull’istruzione tecnica, ma il discorso è validissimo anche nei Licei: le competenze disciplinari e laboratoriali dei docenti vanno valorizzate e sfruttate al meglio: se nel terzo e quarto anno dei futuri Licei le competenze chimiche sono nettamente prevalenti, oltre che per la parte strettamente chimica anche nelle parti di scienze della terra e biologiche, perché non attribuire l’insegnamento “scienze naturali”, invece che ai docenti naturalisti e biologi della attuale classe A060-futura a-50, ai docenti chimici della attuale A013-futura A34, come proposto dal consiglio nazionale dei chimici in http://www.chimici.it/cnc/fileadmin/novita/prot_500_10_Ministro_Gelmini.pdf.pdf?

 
08/10/2010 - L'esempio come via d'incontro (enrico maranzana)

Viene prima il “nutrire” o il “tirar fuori”? Viene prima il conoscere o l’essere presenti e partecipi? Quando la società era immobile il problema non esisteva: si conosceva lo scenario con cui i giovani avrebbero DIALOGATO alla fine dei loro studi. Oggi questa prefigurazione ha una minima possibilità d’aver successo. Da qui la necessità di gerarchizzazione: la formazione e l’educazione dello studente sono da perseguire per mezzo dell’istruzione, il che implica la transdisciplinarità, non la multidisciplinarità. Accolgo il suo invito: “Credo che l’unica via sia cercare di incontrarsi sul piano concreto degli esempi”: su queste pagine ho scritto del progetto Mercurio e della sua applicazione all’ITC Parini di Lecco; nella sezione didattica di matematicamente.it, ho presentato un percorso di informatica e uno sui numeri naturali incardinati sul “tirar fuori”.