BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RIFORMA UNIVERSITÀ/ Cosa cambia col ddl Gelmini votato alla Camera il 30 novembre 2010

Pubblicazione:

ministro-gelminiR400.jpg

RIFORMA UNIVERSITÀ – Riforma dell’università, ecco che cosa contiene il testo del disegno di legge del Governo, approvato ieri sera alla Camera dei deputati e che dovrà tornare ora al Senato. Nel documento è tracciata una ridefinizione complessiva del sistema universitario. In particolare, esso ridisciplina la governance degli atenei, lo stato giuridico e il reclutamento del personale, e delega il Governo ad adottare incentivi per la qualità. I principi ispiratori della riforma presentata dal Governo ed esaminata in prima lettura dal Senato (dove ora dovranno ritornare in seguito alle modifiche apportate dalla Camera dei deputati), fanno riferimento, come indicato dalle «Linee guida del Governo per l’università», ai concetti di autonomia e responsabilità, valorizzazione del merito e combinazione di didattica e ricerca.

 

La VII Commissione della Camera ha avviato l’esame del testo il 15 settembre 2010. Dopo un ciclo di audizioni, ha approvato diverse proposte di modifica, alcune delle quali poi soppresse, a seguito del parere della V Commissione. Il mandato al relatore è stato conferito il 19 novembre 2010 (A.C. 3687-A). L'Assemblea ha concluso l'esame del testo, ulteriormente modificato, il 30 novembre 2010.

 

CLICCA QUI O SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULLA RIFORMA DELL’UNIVERSITÀ
 



  PAG. SUCC. >