BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Denora (gesuiti): ecco perché oggi difendiamo ancora un "progetto" del ’500

Pubblicazione:

Foto: Fotolia  Foto: Fotolia

Caro direttore,

 

rispondo al cortese commento del professor Pellegatta nella parte in cui chiede di conoscere qualcosa sulla ristesura della Ratio.

Perché scrivere una nuova Ratio studiorum? Essa fu all’origine del capillare sistema di formazione inventato nel 1500 dai padri Gesuiti. Tutti parteciparono ad una grossa impresa educativa: quella di annotare e poi scrivere in maniera più compiuta i frutti migliori della propria esperienza educativa. I primi gesuiti si ritrovarono a insegnare e scoprirono proprio che l’insegnamento aiutava le persone a crescere come persone uniche ed originali e a preparare un mondo più umano e più giusto.

 

Insegnare li rendeva vicini a qualcosa di “sacro”: la persona dell’alunno, il suo sbocciare alla vita e il suo compito di costruire il mondo. Per questo con solerzia si misero a custodire quanto scoperto in una serie di regole che costituirono un sistema unitario di educazione all’interno di tutte le scuole della Compagnia di Gesù: la Ratio atque institutio studiorum. Tali regole non lasciavano al caso l’ordinario scolastico, prendendo sul serio i problemi della didattica e quelli della disciplina, l’organizzazione della classe e persino come conveniva distribuire gli alunni tra i banchi di scuola. Una grande saggezza del concreto, cosa tipica della spiritualità di S. Ignazio, veniva offerta al mondo educativo dell’epoca.

 

Poi la storia della Compagnia conobbe le sue stagioni difficili ed intanto il mondo della scuola e dell’istruzione portò avanti l’intuizione che la scuola e l’educazione erano un compito pubblico, proprio come pensavano i gesuiti. La Compagnia fu soppressa e quando rinacque la vecchia Ratio studiorum del ’500 non aveva più la sua carica di innovazione.

 

Occorrerà però attendere il Concilio Vaticano II e la figura profetica del Generale Padre Arrupe per riprendere l’idea di una nuova Ratio Studiorum. La Compagnia di Gesù aveva un grande ideale educativo che non poteva tenere nascosto ma che, in un mondo che stava cambiando, andava riproposto in modi nuovi, con parole nuove. Il metodo fu sempre quello di una scrittura collettiva da parte di vari gesuiti che nel mondo lavoravano nell’educazione per raccogliere e custodire un’esperienza portata avanti da tanti e con tanta passione. Nacquero cosi nel 1987 le Caratteristiche dell’Attività Educativa della Compagnia di Gesù: un documento che ridice lo sguardo pedagogico di fondo della tradizione gesuita (estratti del volume completo sono disponibili in download gratuito presso il portale del CeFAEGI, il sito del centro di formazione dei docenti delle scuole dei gesuiti italiani http://www.cefaegi.it/allegati/3.pdf ). Uno sguardo positivo sul mondo e sulla storia, sull’uomo e sull’alunno valorizzato nella sua individualità, un’attenzione ad uno sviluppo armonico e integrale della persona nella sua apertura alla trascendenza e alla realtà degli altri uomini, compagni a volte meno fortunati, di uno stesso viaggio... e molto altro ancora.

  



  PAG. SUCC. >