BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EDUCAZIONE/ Facchini: Ecco cosa abbiamo "insegnato" agli esperti mondiali di Dante...

Pubblicazione:

universit%C3%A0_studentiR375_28ago08.jpg

O, da ultimo, Edward Nelson, noto matematico dell’Università di Princeton, che ha deciso di venire in Italia per confrontarsi con noi in un incontro pubblico sui teoremi di Godel dando questa motivazione: «L’esperienza di gioia radiosa presente al Meeting di Rimini è indimenticabile. La gioia non può essere contraffatta; è una testimonianza inconfondibile». Questi incontri ci hanno resi ancora più consapevoli della novità che il fatto cristiano porta nel mondo: con le parole di Hollander, è un’amicizia che coinvolge tutta la vita, attraverso cui è possibile vivere un gusto altrimenti impossibile.


In queste settimane in molti atenei sono sorte numerose iniziative di raccolta fondi a sostegno dei terremotati di Haiti. Al Politecnico di Milano improvvisandoci cuochi e ristoratori abbiamo preparato una cena per 140 docenti, tra cui il Rettore, a cui è seguita una testimonianza di un volontario Avsi che si era recato sull’isola. È davvero un’amicizia che coinvolge tutta la vita. Al termine, increduli e commossi, 140 professori hanno offerto 6.000 euro per i terremotati.

 

Ciò di cui sono testimone in questi anni è l’accadere in me di un soggetto nuovo, di una cultura nuova, inconfondibile, che non può essere contraffatta. Il nostro impegno, la nostra presenza dentro il mondo, dentro l’università, nasce dalla gratitudine per essere stati conquistati da Cristo, senza aver fatto nulla per meritarlo, ed è il frutto di un’appartenenza cosciente. Don Giussani nel 1980 diceva ad alcuni universitari: «Presenza è un debordamento della coscienza religiosa di sé. La nostra presenza è il riecheggiare nella storia la Presenza, in una compagnia».


Il debordamento della coscienza di essere stati afferrati da Cristo è anche la ragione per cui siamo implicati negli organi accademici e di governo dell’università, per cui organizziamo incontri pubblici su tematiche che affrontiamo nel percorso di studi, per cui abbiamo creato una cooperativa che procura libri a prezzi scontati per tutti gli studenti. La presenza contemporanea di Cristo nella concretezza della mia vita è una continua educazione della mia persona perché la mia umanità sia piena e la notizia della sua Presenza raggiunga tutti i miei fratelli uomini.

 

(di Stefano Facchini, studente del 4° anno di Fisica)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.