BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

EDUCAZIONE/ Nembrini: Chi insegnerà a questa generazione a "parlare con Dio"?

Pubblicazione:

nembriniR375.jpg

E allora, se si prende sul serio il loro cuore, se si ha il coraggio di scommettere tutto sulla loro libertà come ci ha insegnato don Giussani, può accadere che una ragazzina di 15 anni, incontrata tra i banchi e invitata ad una vacanza di Gs possa dire: «Io non ho mai creduto, non sono mai stata in una chiesa, la mia famiglia è atea, nessuno mi ha mai parlato di queste cose, però in questa vacanza mi sembra di avere intravisto Qualcosa che non avevo mai visto. Io adesso questa Presenza la devo poter rintracciare nelle cose di ogni giorno, nello studio, nelle amicizie, nei miei interessi… e vorrei poterci parlare, e volevo chiedervi se qualcuno di voi può insegnarmi a parlare con Dio, perché io non Lo conosco. Ieri sera ho provato a parlare con Lui prima di dormire ma sono riuscita solo a dirgli: ciao, Dio!».


Chi potrà insegnare a questa ragazzina, e a questa generazione, a parlare con Dio? Solo adulti che sappiano rendere testimonianza della loro fede, del Bene che ha raggiunto la loro vita, della passione per il reale di cui questo incontro li ha resi capaci. Come ha detto più volte il Santo Padre l’educazione è questione di testimonianza. E quando questa testimonianza è messa in atto può accadere di vedere radunati, come è successo la scorsa domenica 7 marzo, al Teatro Dal Verme di Milano, più di mille studenti delle superiori, a dialogare sulle esigenze della vita, sulla natura dell’esperienza, sulla razionalità della fede.


E’ stato veramente impressionante: i ragazzi di Gioventù Studentesca di Milano hanno voluto questo gesto per dire ai loro compagni e amici di tutte le scuole di Milano: «Cristo è presente. Al di là di ogni polemica sui crocefissi, al di là di tutta la confusione e di tutte le polemiche, Cristo è presente e noi ne facciamo esperienza». Che i ragazzi ricomincino con alcuni loro adulti a muoversi così mi sembra un grande segno di una strada cominciata, di una educazione possibile.

 

(di Franco Nembrini, insegnante)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.