BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Il poco spazio riservato alle tecnologie è la spia che qualcosa non va...

Pubblicazione:

scuolaconfusaR375_12nov09.jpg

“L’istruzione non è il riempimento di un secchio, ma l’accensione di un fuoco”, diceva il poeta William B. Yeats.

Gli interventi che, specie negli ultimi giorni, si sono susseguiti a proposito delle Indicazioni nazionali per i Licei hanno opportunamente abbassato il tasso di acidità del dibattito e questo consente forse di trovar posto anche per un contributo, come questo, che sceglie di affrontare la discussione a partire da un approccio apparentemente eccentrico: l’organizzazione del lavoro scolastico e il ruolo delle ICT nel processo di apprendimento.


E’ difficile sfuggire all’impressione che, fra quelli indicati all’inizio del profilo dei Licei, l’ultimo dei punti (“l‘uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca”) elencati dalla Commissione che ha varato le Indicazioni stia lì come omaggio formale al nuovo che avanza. Non credo sia un caso se le tecnologie sono presenti in quel documento in modo più che tradizionale: indicate nell’area linguistica come strumento per fare ricerca e comunicare, ma assenti nelle altre aree con la sola eccezione dell’area scientifica nella quale (e solo in quella) si parla di utilizzare criticamente strumenti informatici e telematici nelle attività di studio (forse che in altri contesti si possono/debbono utilizzare acriticamente?).


Le ICT non sono uno strumento a supporto dello studio, ma lo strumento di una intermediazione che modifica con la sua stessa presenza sia il punto di vista dell’operatore (lo studente, ma anche lo stesso docente) sia la materia trattata. Nel recente convegno organizzato da Treelle e dalla Fondazione per la scuola della Compagnia di San Paolo, la dottoressa Sue Horner (già direttrice dell’Agenzia per lo sviluppo del curriculum nel Regno Unito) ha chiosato l’affermazione (ovvia?) secondo cui il curriculum non può restare statico, sottolineando che deve corrispondere ai cambiamenti della società e dell’economia oltre che a quelli della natura della scuola stessa.


Leggi anche: SCUOLA/ 1. Belardinelli: la "filosofia" delle Indicazioni? Meno tabelle e più libertà


Leggi anche: SCUOLA/ 2. Finalmente qualcuno libera la Storia dalle incrostazioni dell’ideologia..., di A. Caspani

 


PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO, CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO

 



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
18/04/2010 - una sottolineatura (vittorio campione)

Per troppo tempo si è accettato che il processo di apprendimento consistesse nell'imparare a mettere in ordine quello che ci viene trasmesso da chi insegna. Quindi capire per poter apprendere. Quindi il pensiero, attività della mente governante, come attività superiore. Peccato che non sia così: la conoscenza è il prodotto di una costruzione attiva da parte del soggetto; è strettamente collegata alla situazione concreta in cui avviene l’apprendimento; nasce dalla collaborazione sociale e dalla comunicazione interpersonale. In qualche modo "capire" è successivo ad "apprendere" e non il suo presupposto. Insomma sono d'accordo con Maranzana. Con Pauletto condivido totalmente l'idea che occorre "andare oltre" ogni semplificazione sociologica o peggio ideologica. Sarebbe interessante ragionare su come si influenzano reciprocamente (e fin dai primi anni) le diverse risorse che Pauletto ricomprende nel doppio equipaggiamento di cui parla. Forse si potrebbe immaginare di accompagnare la prima applicazione delle Indicazioni nazionali con una discussione generale su come lo sviluppo (tecnologico, ma anche civile, sociale, culturale, etc.) degli ultimi due o tre decenni può diventare contenuto e strumento dei percorsi di apprendimento nelle nostre scuole. E ovviamente non nel senso di aggiungere qualche paragrafo al sempre incombente elenco dei "contenuti insopprimibili" nella cui compilazione i disciplinaristi sono maestri.

 
16/04/2010 - Società digitale e Scuola (Daniele Prof Pauletto)

Due appunti: SUPERARE la scissione tra competenze tecnologiche/mediali (spesso non riconosciute) e le competenze scolastiche /incompetenze scolastiche, .... secondo Guy Le Boterf la competenza è saper agire in modo pertinente in un contesto particolare, scegliendo e mobilitando un doppio equipaggiamento di risorse: risorse personali (conoscenze, saper fare, qualità, cultura, risorse emozionali…) e risorse di rete (banche dati, reti documentali, reti di esperti…)... un passaggio dalla "literacy" alla "electracy" (competenza utile a sviluppare al meglio il potenziale comunicativo dei media digitali e di rete, appunto) riqualificando, e non sostituendo la capacità d’uso della lingua scritta e di quella orale, la literacy appunto ... ...secondo Laurent Lafforgue "da trent’anni il discorso sociale sulla scuola consiste nel dire che i figli dei privilegiati se la caveranno sempre e che i figli degli ambienti sfavoriti mai, che non c’è dunque bisogno di fare qualcosa per i buoni allievi, obbligatoriamente privilegiati, e che bisogna dare tutto ai cattivi allievi, obbligatoriamente vittime di fronte alle quali la scuola resterà sempre colpevole. La nozione di grande cultura è stata considerata come un perverso mezzo di dominazione di certe classi sociali - aristocratici o borghesi - sulle altre, o di certi popoli sugli altri..." forse è il tempo di ANDARE OLTRE

 
16/04/2010 - Dal sintomo alla diagnosi (enrico maranzana)

Il lavoro di Marshall McLuhan è uno dei capisaldi su cui poggiano le indagini sulla comunicazione sociale. Egli ha studiato le trasformazioni indotte dagli strumenti del comunicare, evidenziando come loro, indipendentemente dal modo in cui sono usati, inducano cambiamenti. Famosa la sua asserzione: "Il mezzo è il messaggio". Le teorie di McLuhan mettono in pieno risalto le conseguenze derivanti dal ruolo di cenerentola che le indicazioni nazionali riservano alle nuove tecnologie dell'informazione. Lo studente che interagisce con la strumentazione informatica è protagonista, "organizzare il proprio pensiero, collega e distingue al tempo stesso". In questa direzione muove il DPR di riforma che richiama la necessità di privilegiare la didattica di laboratorio e di valorizzare "la pratica dei metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari" e "l'uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca". Piattaforma clamorosamente contraddetta delle indicazioni nazionali che stravolgono il significato di apprendimento facendolo corrispondere alla personalizzazione/rielaborazione della conoscenza che i docenti dispensano: gli estensori delle indicazioni nazionali non hanno applicato il Top-Down.