BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIVERSITA’/ Meloni (Pd): le nostre proposte contro una riforma solo tagli e zero autonomia

Pubblicazione:

Foto: Imagoeconomica  Foto: Imagoeconomica

 

«Il ddl Gelmini mira a disciplinare ogni aspetto della vita degli atenei. Altro che autonomia: il ddl sul punto probabilmente è incostituzionale, ed è contrario a ogni logica di sussidiarietà e all’evoluzione dei sistemi universitari, anche su scala europea». Marco Meloni, responsabile del Pd per università e ricerca, parla con ilsussidiario.net della riforma universitaria.

 

Qual è la principale obiezione che il Pd muove alla riforma, come concezione di fondo e come impianto dell’articolato?

 

Il contenuto smentisce del tutto i propositi. Una disegno iper-normativista e iper-burocraticista, che non affronta i nodi strutturali del sistema ed è finalizzato solo a stabilizzare i tagli di oltre 1 miliardo in tre anni. Qualcuno pensa seriamente che sia possibile colmare il divario coi paesi europei (siamo indietro per numero di laureati e ricercatori, apertura del sistema, oltre a molti altri indicatori) diminuendo ancora gli investimenti e aumentando il precariato? Già ora investiamo in università meno dello 0,8% del Pil, contro una media europea dell’1,3%. Mentre, ad esempio, la Francia investe 19 miliardi.

 

Eppure si parla di autonomia, di valutazione e di merito.

 

Sono concetti che condividiamo, anche perché siamo stati i primi a sostenerli. Ma questo ddl fa esattamente il contrario. Vi si vede una logica iper-centralista, nessuna risorsa per gli studenti meritevoli, nessuna attenzione alla coesione del Paese. Così si affossa il sistema universitario, e si decide che il modello di sviluppo dell’Italia non è fondato sulla conoscenza e sull’innovazione. Un errore senza ritorno, che noi vogliamo impedire. Per questo abbiamo chiesto al governo un confronto aperto sul merito di questa riforma, che riguarda l’interesse generale del Paese. Finora, nessuna risposta.

 

Una delle principali critiche è che è del tutto sacrificata l’autonomia. Cosa non va nel ddl e come proporreste di cambiare questo punto-chiave?

 

Clicca >> qui sotto per continuare l’intervista

 

 

 



  PAG. SUCC. >