BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MATURITA’/ Avete delle insufficienze? Sarete bocciati. Accede all’esame finale solo chi rispetta la “regola del 6”

Rischiano la bocciatura gli studenti che arriveranno alla maturità con delle insufficienze. Entra in vigore da quest’anno, infatti, la “regola del 6”

scuola_pagelleR375.jpg (Foto)

Rischiano la bocciatura gli studenti che arriveranno alla maturità con delle insufficienze. Entra in vigore da quest’anno, infatti, la “regola del 6”. Gli studenti che all’ultimo anno avranno delle insufficienze saranno bocciati.


Ammessi agli esami di maturità solo gli studenti che non presenteranno insufficienze. Da quest’anno, per la prima volta, entrerà in vigore “la regola del 6” citata dal Regolamento per la valutazione varato lo scorso anno. Con l’introduzione di questo nuovo parametro di selezione per l’ammissione si prevede una percentuale pari al 35% del totale dei candidati interni che non verrà ammessa all’esame di Stato (circa 137mila studenti). «Saranno ammessi agli esami di Stato soltanto gli studenti che, nello scrutinio finale, abbiano conseguito una votazione non inferiore a 6 in tutte le materie e in condotta». Fino allo scorso anno, invece, bastava raggiungere la media del sei e anche con qualche materia insufficiente lo studente poteva accedere comunque all’esame di maturità (avendo saldato tutti i “debiti” precedenti). Secondo una stima condotta dal Corriere della Sera su 10 scuole di Milano (35 classi coinvolte, per un totale di circa 700 studenti) risulta che circa il 64% dei ragazzi dell’ultimo anno ha avuto più di due insufficienze. A metà del secondo quadrimestre, il 38% degli allievi ha ancora una o due insufficienze, il 15% tre materie insufficienti, il 9% più di tre e solamente il 38% è tranquillo. In dirittura di arrivo, perciò, si può prevedere che andranno agli esami 3 o 4 studenti per classe.


Leggi anche: SCUOLA/ 1. Lo psicanalista: cari genitori, di fronte a una bocciatura serve realismo…, di L. Ballerini