BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

UNIVERSITA’/ Berlinguer (Pd): una riforma centralista che salva solo i "baroni"

Pubblicazione:

Luigi Berlinguer (Imagoeconomica)  Luigi Berlinguer (Imagoeconomica)

 

Un momento, un conto sono gli sprechi, un conto gli investimenti. Ci vogliono molti più soldi: non si trovano? Si cerchi altrove. Ci sono e si possono trovare facendo sacrifici in altri campi. In periodi di carestia i contadini hanno risparmiato su tutto fino a fare la fame, ma mai nelle sementi, perché avrebbe voluto dire precludersi l’avvenire. È il nostro caso, mi pare.

 

Cosa ne pensa della disciplina del reclutamento di docenti e dei ricercatori?

 

Dico solo che mettere questa disciplina insieme alle altre due, governance e valutazione, rischia di rendere difficilissima l’approvazione della legge.

 

È una disciplina che andrebbe stralciata?

 

Andrebbero prima riformate valutazione e governance. Per cambiare il reclutamento è indispensabile che la governance funzioni diversamente, altrimenti qualunque disciplina si introduca adesso il corpo accademico la gestisce a modo suo. Mi pare buona invece - e ci tengo a sottolinearlo - la politica premiale. Vanno finanziate con incentivi ed altro le situazioni, le iniziative e le ricerche che rispondono a criteri di serietà e produttività.

 

E questo la riforma lo fa, secondo lei?

 

Lo accenna. Lo pone come un obiettivo e questo è un fatto positivo. Ma se poi quel testo lo si osserva nel suo complesso, si vede il rischio che anche la gestione del merito sia fatta dai corpi accademici. Sfuggendo puntualmente a logiche di qualità.

 

(Federico Ferraù)

 

 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
04/05/2010 - L'ex ministro Luigi Berlinguer? (celestino ferraro)

Perché non l'ha varata lui questa riforma universitaria quando dirigeva l'ambaradan? Siamo alle solite: armiamoci e andate.